Referendum per Svendere l’Italia

Svendono l’Italia, complici dei cravattari, degli usurai. La cosiddetta “destra” – imbecilli o svenduti a loro volta – si sbraccia per far vincere a costoro un referendum, come sarebbe piaciuto a Licio Gelli.

L’usuraio concede il prestito, ne concede un altro e un altro ancora, fino a rendere impossibile ripagarlo. Quando tu non puoi più pagare, l’usuraio s’impossessa di tutto quanto possiedi. Con una persona, con una famiglia, con una piccola impresa è semplice. Fai il prestito e vai a riscuotere. Se non pagano mandi i “riscossori di crediti”, delinquenti, a perseguitare il malcapitato e la sua famiglia.
Questo è pure possibile con una grande impresa. Occorre la complicità di banche, magistrati, stampa e tivvù, istituzioni. Sono sistemi corruttivi più raffinati, coinvolgendo il Consiglio d’Amministrazione. Un calzolaio e uno dei più importanti editori italiani, coi loro complici, sono specializzati in queste operazioni.

VOTA NO
FAI VOTARE NO
QUANTO FA MALE A M5S
FA BENE ALL’ITALIA
FA BENE ALLA DEMOCRAZIA
FA BENE ALL’ECONOMIA

Con uno Stato è un più complicato, non di meno è possibile. Devi avere il sostegno di una o più istituzioni sovranazionali – nel nostro caso l’Unione Europea e l’Organizzazione Mondiale della Sanità – paesi complici fra loro e determinati a spolparti: Cina, Germania, Francia, Austria, Olanda, Lussemburgo. La stampa collaborazionista ha un ruolo molto importante. Nel caso italiano stampa e tivvù collaborazionisti – Rai, Mediaset, Sky, La7… – hanno battezzato “paesi frugali” [leggi qui] i più zelanti fra i “riscossori di crediti”, i delinquenti che perseguitano gli usurati. I cosiddetti “paesi frugali” sono invece il fior fiore della finanza sporca internazionale; sono paesi furfanti.
La Cina, il regime più criminale della storia, lancia un virus, uccidendo anche milioni di cinesi. Troppi morti cinesi? Non è un problema per il regime cinese: la popolazione è di 1,3 miliardi e i governanti cinesi sono killer di massa senza scrupoli.
Spargi il virus, paralizzi l’economia. Il IV Reich e i “paesi furfanti” concedono il prestito all’Italia a condizioni da strozzini [leggi qui]. I collaborazionisti della stampa e della tv plaudono al grande successo di Giuseppa Conte. Il IV Reich e i “paesi furfanti” si accingono quindi a riscuotere il bottino. Di che cosa parlano i TG? Della salute di Berl, del virus e del Referendum. Non un cane a spiegare che cosa c’è dietro la scelta fra sì e NO.
Per spolpare il paese, renderlo più sottomesso che mai, devono delegittimare le sue istituzioni più rappresentative della volontà popolare; devono delegittimare il Parlamento, proprio come voleva Licio Gelli, il padrino di questi partiti; proprio come hanno fatto dalla strage di Capaci in poi. Matteo Renzi, conterraneo di Licio Gelli, fece l’errore di scoprire le carte subito: riduzione dei parlamentari e sottomissione ai partiti di quanto sarebbe rimasto del Parlamento. Il popolo italiano respinse il tentativo scopertamente gellista di Matteo Renzi.
Il M5S, il partito più ostile agli interessi italiani mai apparso in Parlamento, ha imparato la lezione: propone di magiare una foglia alla volta. FATE ATTENZIONE. La modifica costituzionale, avanzata da M5S, è diretta conseguenza della sconfitta di Matteo Renzi al precedente referendum. Per ora riduzione del Parlamento. Poi si passerà a un’ulteriore modifica della Costituzione per sottometterlo ai “paesi furfanti”.
FATE ATTENZIONE, solo i somari del M5S sono sicuri di essere indispensabili all’Italia. In realtà questo referendum – apparentemente un suicidio politico del M5S – legittima il suo gruppo dirigente e lo predispone per altre avventure agli ordini di George Soros e dei “paesi furfanti”. In altri termini la cricca Grillo, Casaleggio & C. attende di appuntarsi la medaglia d’un referendum per gettarsi in altre avventure, anche se dovranno sacrificare il parco somari di M5S. Hanno infatti imposto degli stupidi, palesemente stupidi e incompetenti, nei dicasteri più importanti perché non gli interessa governare ma imporre questo referendum. Questo è il loro obiettivo strategico: bisogna impedire a costoro di conquistarlo.
La Costituzione deve essere, ha necessità di essere riscritta interamente? Certamente. La Costituzione non deve però essere rattoppata dalle medesime cerchie criminali politiche che la violano almeno dal 1992.
Vota e fai votare NO al referendum. Come dite? Matteo Salvini e Giorgia Meloni votano Sì? Non c’è da stupirsi: l’Italia non sarebbe ridotta a questo livello se anche l’opposizione – che nulla ha fatto di concreto oltre a un fiume di chiacchiere – non fosse a sua volta composta da criminali o da idioti, senza escludere che le due qualità coesistano nel medesimo cervello, chiamiamolo così.
Vota e fai votare NO al referendum.

MANDA QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI E A QUANTI POTREBBE ESSERE UTILE PER SCEGLIERE.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante della carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Referendum per Svendere l’Italia

  1. maria cristina tagliabue scrive:

    voto con coscienza, come già votai il 4 marzo famoso, se ci saranno conseguenze politiche non mi tocca, qualunque risultato sarà a favore del centrodestra.

  2. Massimo Trevia scrive:

    Io sono sempre stato ultraconvinto per il no!Non ho la sua dottrina politica ma condivido ciò’ che Lei dice.Dico solo che votando SI’ poi non si ha il diritto di lamentarsi se la tale strada ecc. non viene aggiustata:cio’ accadrà’ perche’ mancherà’ rappresentanza dei vari territori……e poi voterò’ NO per mandare dove si meritano i grillini, da sempre non sopportati dal sottoscritto!!!

  3. Pingback: Referendum per Svendere l’Italia – Il Nuovo Arengario

  4. Alessandro Gentili scrive:

    Caro Piero, votare sì o no a questo referendum non cambierà nulla. Un voto senza un quorum… Una bestialità, una scemenza, una burletta. Un’idea di Di Maio su cui tutti si sono buttati con ragionamenti che non meritano nessuna attenzione. Con parlamenti che hanno presidenti come la Boldrini o Fico, credo che perdere tempo a valutare l’operato di questa gentaglia non abbia senso. È passato da tempo il ricorso alla pacatezza, alla pazienza, alla fiducia, alle tradizioni democratiche. Perder tempo a seguire le strategie, i giochetti di questi quacquaraqua, venditori di pentole e autentici criminali non ha più senso. Quindi finché qualcuno non li leva di mezzo in modo definitivo, tutti, nessuno escluso, perdiamo tempo, caro Piero.
    Io mi chiedo come sia possibile che ci siano ancora persone in Italia che credono negli italiani, ma soprattutto che credano negli italiani!!! Perché sia chiaro, i 5stelle in parlamento e al. Governo e la Raggi sul Campidoglio c’è li hanno mandati gli italiani, mica i marziani….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.