UMANI: FATE SCHIFO! HUMANITY: YOU SUCK! – by A. Cecchi

New record high! A new record for the S&P 500. The steam inside the bubble is hot with freshly issued money, because the mechanism hasn’t changed and nothing else matters. The mechanism is always the same and until it changes, what we will observe will be the same thing, but more and more amplified.

Nuovo record! Un nuovo record per l’S&P 500. Il vapore dentro la bolla è caldo di soldi appena sfornati perché il meccanismo non è cambiato e non importa niente altro. Il meccanismo è sempre il solito e finché esso non cambia, quello che osserveremo sarà la stessa cosa, ma sempre più amplificata.

Questo articolo segna l’inizio della collaborazione di OLN con Andrea Cecchi e la sua frizzante ANDREA CECCHI Newsletter https://andreacecchi.substack.com/
This article marks the beginning of OLN’s collaboration with Andrea Cecchi and his sparkling ANDREA CECCHI Newsletter https://andreacecchi.substack.com/

New record high! A new record for the S & P 500. The steam inside the bubble is hot with freshly issued money, because the mechanism hasn’t changed and nothing else matters. The mechanism is always the same and until it changes, what we will observe will be the same thing, but more and more amplified. A big bubble that gets bigger every day. What matters is only the growth of the stock markets to give the false feeling that a hypertrophic stock market is synonymous with economic health. Nothing else matters.

• The economy in free fall? It does not matter.

• Public spending paid in deficit with new astronomical debt? It does not matter!

• Inflation that destroys savings and starves people? It does not matter!

• Explosive public debt? It does not matter!

• Unemployment at levels of human tragedy? It does not matter!

• Entire categories such as gyms, shows and restaurants destroyed? Bleah .. who cares!

Central banks control the game. Central banks monetize all debt and that’s why interest rates are kept artificially low. Under normal circumstances, the interest rate should measure the risk of an investment, but if the central bank, a monopolist of monetary issuance, creates money out of thin air and buys all the debt with that money, it means that we are not in a free market, but in a manipulated oligopoly, where the market in fact no longer exists. This is a sprain that will have to be fix sooner or later and it will not be painless.

The 10-year rate of the US Treasury and the dollar are the main proponents of the market. In order for the central bank to create money, it first needs to buy a treasury bill. With this mechanism, the central bank places its product, that is debt, on the market and the citizens agree to to repay it, through the distribution of the debt. The debt is therefore public and is owed by the indebted citizens, while the credit is private: the bank is the creditor that receives the interest and commands the debtors with arrogance.

In addition to American stock market, crypto currencies are also taking off. A vertical line that does not stop. There seems to be nothing that can stop its ascent, like a rocket launched into space. Bit coin at 62000. It was at 3000 in March 2020. Crazy!

This is also inflation. It means that it takes more monetary units to buy the same shares of a product.

Patrick Harker, Central Banker

Nuovo record! Un nuovo record per l’S&P 500. Il vapore dentro la bolla è caldo di soldi appena sfornati perché il meccanismo non è cambiato e non importa niente altro. Il meccanismo è sempre il solito e finché esso non cambia, quello che osserveremo sarà la stessa cosa, ma sempre più amplificata. Una bolla grande che diventa più grande ogni giorno. Quello che conta è solo la crescita dei mercati azionari per dare la sensazione mendace che una borsa ipertrofica sia sinonimo di salute economica. Niente altro ha rilevanza.

L’economia in caduta libera? Non importa.

La spesa pubblica pagata a deficit con nuovo debito astronomico? Non importa!

L’inflazione che distrugge i risparmi e affama la gente? Non importa!

Debito pubblico esplosivo? Non importa!

Disoccupazione a livelli di tragedia umana? Non importa!

Intere categorie tipo palestre, spettacoli e ristoranti azzerate? Bleah..chissenefrega!

Le banche centrali controllano il gioco. Le banche centrali monetizzano tutto il debito ed ecco perché i tassi d’interesse sono mantenuti artificialmente bassi. In circostanze normali, il tasso d’interesse dovrebbe misurare il rischio di un investimento, ma se la banca centrale, monopolista dell’emissione monetaria, crea soldi dal niente e con quei soldi ci compra tutto il debito, ciò vuol dire che non siamo in un libero mercato, ma in un oligopolio manipolato, dove il mercato di fatto non esiste più. Questa è una distorsione che prima o poi dovrà aggiustarsi e non sarà indolore.

Il tasso a 10 anni del titolo di stato americano e il dollaro sono i principali fautori del mercato. La banca centrale per poter creare soldi ha prima bisogno di comprare un buono del tesoro. Con questo meccanismo, la banca centrale colloca sul mercato il suo prodotto, ovvero il debito, e i cittadini si impegnano a ripagarlo, attraverso la ripartizione del debito. Il debito è quindi pubblico dei cittadini indebitati, mentre il credito è privato, ovvero della banca che percepisce l’interesse e comanda i debitori con arroganza.

Oltre alle borse americane, anche le cripto valute stanno decollando. Una linea verticale che non si ferma. Non sembra ci sia niente che possa arrestarne l’ascesa tipo razzo lanciato nello spazio. Bitcoin a 62000. Era a 3000 a marzo del 2020. Pazzesco!

Anche questa è inflazione. Vuol dire che occorrono più unità monetarie per comprare le stesse quote di un prodotto.

Patrick Harker, Central Banker, tells us : “don’t worry about inflation”.

According to his statements, the Federal Reserve has all the tools necessary to control inflation.

We have seen very well what the tools have been so far: printing money at turbo speed and destruction of the retail economy to prevent the circulation of the currency with the contextual transfer of the same, to the ultra-rich class through the growth of stock markets and confiscation of savings both with creeping inflation hidden inside basic necessities, therefore indispensable and the policy of zero interest rates that do not remunerate savings, in addition to the mandatory health cruelty that cost the citizen and bring incalculable profits to the pharmaceutical oligopoly of the sector of the Pharma-Dollar. Here is the link to my article dedicated Pharma-dollar.

So I think it’s not safe to believe Patrik Harker’s words. In my opinion it is instead the case to worry. We are sailing in uncharted waters and you have to keep your eyes wide open.

Looking back, we see that a major monetary debt crisis can only be overcome in three ways:

1) Paying off the debt, which never happened.

 2) Diluting the debt with inflation that starts slowly and turns into hyper inflation in the final blaze.

3) With a great war. History has generally shown us that the options that have occurred are 2 and then 3 as a consequence of 2.

Those with savings, are starting to worry that sooner or later the bubble will burst. It’s better to convert those savings into real and tangible goods, scarce by nature. Everyone should choose what they prefer. I like gold, silver, land with water, properties in selected areas and raw materials. Many investors are also buying antiques, vintage cars and motorbikes, pieces of art, watches and other tangible objects, which can be possessed and available. Things that hold value. Many people are also totally fascinated by crypto currencies.

The fate of the euro is uncertain for now. Brexit has given a strong signal. The fate of the euro goes hand in hand with that of the European banks. The boiling nuclear reactor inside the critical mass called the euro is Deutsche Bank: the predominant counterpart to all derivative contracts in the world. Systemic risk is well represented in the illustration below. The world will do anything to keep Deutsche Bank afloat. In fact, all economic measures, and it is easy to observe, are put in place to facilitate the German economy as much as possible, even to the detriment of the other member countries of the European Union. In Italy we are witnessing a “turbo boost” acceleration of mergers between banks, to minimize the number of subjects involved in OTC derivatives and therefore to be able to intervene more promptly and easily if other episodes such as derivative contracts that have sunk bank MPS, occur (and poor Davide Rossi) as in 2011. This illustration explains everything! Also look at the non-colored lines to understand how crazy the weave is. If one of those lines pops, the whole galaxy explodes, in an instant! Please, see the chart at the bottom of the text.

We are under attack from multiple fronts.

In addition to the economic factor, the demographic factor must also be considered, because this is what the “central planners” of the Great Reset project are looking at.

My daughter is studying marine biology and she told me about this documentary that in these days is causing a lot of discussion: the documentary Seaspiracy where humanity is accused for the consumption of fish.

The message is clear, and they repeat it over and over again in various forms:

HUMANS, YOU SUCK! YOUR EXISTENCE IS ANTI-ECOLOGICAL AND HARMFUL TO PLANET EARTH!

YOUR LIFE IS USELESS AND HARMFUL BECAUSE IT DESTROYS PLANET EARTH.

I canceled my subscription to National Geographics for this very reason. The message was always the same: humanity = cancer of the Earth.

(However, none of these promoters of anti-human ecology ever gave a good example, perhaps by finding a way to meet the Creator first, how strange).

We therefore realize that even the prolonged ecological hype, where the Swedish activist Greta Thunberg is its iconic image, was a preparatory step to Operation Corona, (see the book that can be purchased at this link),  launched at the same time as the Great Reset in Davos, economics and ecology are instruments that play the same music.

The final project was suggested in 1998 by the American writer Tom Clancy in the book Rainbow Six: “An ecological terrorist group and owner of a multinational pharmaceutical company plans the death of almost all of the earth’s population through the development and spread of a terrible virus , “Shiva”, derived from Ebola, which he intends to spread among all humanity to “clean” the Earth of its worst virus, Humans. In addition, the ex-wife of the head of the terrorist group, occupies the role of Secretary of the Environment in the United States government, but in reality she is an infiltrator of the organization. The scenario foreseen to spread the virus is the Sydney Olympics, through the cooling devices that nebulize the water droplets, and for this purpose a security company connected to the group has obtained a primary role in the surveillance of the plants “.

It is very likely that such a plan is really on the agenda. I don’t think there is a single monolithic plan, but various options from which the scoundrels will choose, while having fun and dreaming, as do the newlyweds looking at the wedding and honeymoon catalogs.

In any case, world population growth has now reached about 7.9 billion people and is constantly increasing. This real human “boom” is the direct consequence of two other booms which, if observed on Cartesian curves, follow the exact trend. These are exponential curves which are now set vertically. Hyperbolic curves. They show:

  • • The expansion of the debt,
  • • The expansion of the exploitation of the resources of the planet earth,
  • • Population growth.

Increasing debt means mortgaging the future to live better today. Debt can increase until curves stop growing because they collide with the laws of nature. And then, inevitably, they not only stop growing, but contract. And that’s the end, or the new beginning. It depends on who survives.

Solutions? Talking about solutions is really difficult. There is a risk of leading to “wishful thinking”, “it would be nice”! Essentially greedy human nature places an insurmountable limit on any attempt to find a solution. We could also say that there are enough resources for everyone, but if within a community there is one covetous person, then it is no longer possible to remain in balance. Suppose we are ten people and have a tree with ten fruits. It is enough for one of us to eat two, saying “I was hungry” and one of us would inevitably be left with nothing. And this always happens. I repeat, it is human nature!

It would be enough to follow the simple rule of doing to others what we would like them to do to us.

There is a passage from ‘thoughts of Marcus Aurelius’ that should be the basis for reconstructing the society, that reads: “we are in the world for mutual help, like feet, like hands, like eyelids, like teeth, above and below in row; consequently any action of mutual contrast is against nature “! Once we reach this milestone, perhaps we will be ready to deserve to live in peace and harmony.

Patrick Harker, Central Banker, ci dice: “non preoccupatevi dell’inflazione”. 

Secondo le sue dichiarazioni, la Federal Reserve ha tutti gli strumenti necessari per controllare l’inflazione.

Abbiamo visto benissimo quali sono stati gli strumenti fino ad ora: stampa di soldi con il turbo e distruzione dell’economia al dettaglio per impedire la circolazione della moneta con il contestuale trasferimento della stessa al ceto ultra ricco mediante la crescita dei mercati azionari e la confisca del risparmi sia con l’inflazione strisciante nascosta dentro i beni di prima necessità, quindi irrinunciabili e la politica di tassi a zero che non remunerano il risparmio, oltre alle scelleratezze sanitarie obbligatorie che costano al cittadino e portano profitti incalcolabili alll’oligopolio farmaceutico del settore del Pharma-Dollar. Vedi newsletter appositamente dedicata.

Quindi penso che non sia prudente credere alle parole di Patrik Harker. Secondo me è invece il caso di preoccuparsi. Stiamo navigando in acque inesplorate e bisogna tenere gli occhi sgranati.

Guardando al passato si vede che da una grossa crisi monetaria debitoria si può uscire solo in tre modi:

1) Ripagando il debito, cosa che non è mai avvenuta.

2) Diluendo il debito con inflazione che parte piano e si trasforma in iper inflazione nella fiammata finale.

3) Con una grande guerra. In genere la storia ci ha dimostrato che le opzioni che si sono verificate sono la 2 e poi la 3 come conseguenza della 2.

Chi ha dei risparmi, inizi a preoccuparsi che prima o poi la bolla esploderà. Meglio convertire in beni reali e tangibili, scarsi per natura. Ognuno scelga ciò che preferisce. A me piacciono oro, argento, terreni con acqua, immobili in zone selezionate, materie prime. Molti investitori stanno comprando anche antiquariato, auto e moto d’epoca, opere d’arte, orologi e altri oggetti tangibili, di cui si può avere possesso e disponibilità. Cose che mantengono il valore. Molte persone sono totalmente affascinate anche dalle criptovalute.

Il destino dell’euro per ora è incerto. La Brexit ha dato un forte segnale. Il destino dell’euro va a braccetto con quello delle banche europee. Il reattore nucleare bollente dentro la massa critica chiamata euro è Deutsche Bank: la controparte predominante di tutti i contratti derivati nel mondo. Il rischio sistemico è ben rappresentato nell’illustrazione qui sotto. Il mondo farà di tutto per tenere a galla Deutsche Bank. Tutte le misure economiche infatti, ed è facilmente osservabile, sono poste in essere per agevolare al massimo l’economia tedesca anche a discapito degli altri paesi membri dell’Unione Europea. In Italia stiamo assistendo ad un accelerazione “turbo boost” delle fusioni tra banche, per ridurre al minimo il numero dei soggetti coinvolti nei derivati otc e quindi poter intervenire con più tempestività e facilità qualora si verificassero altri episodi come i contratti derivati che hanno affossato MPS (e il povero Davide Rossi) nel 2011. Questa illustrazione spiega tutto! Guardare anche le linee non colorate per capire quanto sia pazzesco l’intreccio. Se salta una di quelle linee, esplode tutta la galassia, in un attimo! Osserva il diagramma alla fine del testo.

Siamo sotto attacco da più fronti.

Oltre al fattore economico bisogna considerare anche quello demografico perché è a quello che stanno guardando i “pianificatori centrali” del progetto del Grande Reset.

Mia figlia sta studiando biologia marina e mi ha parlato di questo documentario che in questi giorni sta facendo molto discutere: il documentario Seaspiracy dove l’umanità viene messa sotto accusa per il consumo di pesce.

Il messaggio è chiaro, e ce lo ripetono continuamente sotto varie forme:

UMANI: FATE SCHIFO! LA VOSTRA ESISTENZA È ANTI ECOLOGICA E NOCIVA AL PIANETA TERRA!

LA VOSTRA VITA È INUTILE E DANNOSA PERCHÉ DISTRUGGE IL PIANETA TERRA.

Ho cancellato anche l’abbonamento al National Geographics per lo stesso motivo. Il messaggio era diventato sempre il solito: umanità=cancro della terra.

(Nessuno però di questi promotori dell’ecologia anti umana che abbia dato il buon esempio, magari avviandosi al Creatore per primo, che strano).

Ci accorgiamo quindi che anche il prolungato battage ecologista che ha come immagine iconica l’attivista svedese Greta Thunberg, sia stato un passaggio propedeutico all’Operazione Corona, (vedi libro che si può acquistare a questo link), lanciata contestualmente al Grande Reset di Davos. Economia ed ecologia sono strumenti che suonano la stessa musica.

Il progetto finale è stato suggerito nel 1998 dallo scrittore americano Tom Clancy nel libro Rainbow Six: “ un gruppo terroristico di matrice ecologista e proprietario di una multinazionale farmaceutica pianifica la morte della quasi totalità della popolazione terrestre attraverso lo sviluppo e la diffusione di un terribile virus, “Shiva”, derivato dall’ebola, che ha intenzione di spargere tra l’umanità intera per “ripulire” la Terra dal suo peggior virus, l’uomo. Inoltre, la ex-moglie del capo del gruppo terroristico, occupa il ruolo di sottosegretario all’ambiente nel governo degli Stati Uniti, ma in realtà è una infiltrata dell’organizzazione. Lo scenario previsto per diffondere il virus sono le Olimpiadi di Sidney, attraverso i dispositivi rinfrescanti che nebulizzano le goccioline d’acqua, e a questo scopo un’ azienda di sicurezza collegata al gruppo ha ottenuto un ruolo primario nella sorveglianza degli impianti”.

È molto probabile che un piano del genere sia veramente in agenda. Non credo ci sia un solo piano monolitico, ma varie opzioni dalle quali i farabutti sceglieranno divertendosi e sognando, come fanno gli sposini guardando i cataloghi dei matrimoni e dei viaggi di nozze.

In ogni caso, la crescita demografica mondiale ha raggiunto adesso la cifra di 7,9 circa miliardi di persone ed è in costante aumento. Questo vero e proprio “boom” umano è la conseguenza diretta di altri due boom che, se osservati su curve cartesiane seguono l’esatto andamento. Si tratta di curve esponenziali che sono adesso impostate in verticale. Curve iperboliche. Esse mostrano:

  • · L’espansione del debito,
  • · L’espansione dello sfruttamento delle risorse del pianeta terra,
  • · La crescita demografica.

Aumentare il debito significa ipotecare il futuro per vivere meglio oggi. Il debito si può aumentare finché le curve smettono di poter crescere perché si scontrano con le leggi della natura. E allora, inevitabilmente, non solo smettono di crescere, ma si contraggono. E quella è la fine, o il nuovo inizio. Dipende da chi sopravvive.

Soluzioni? Parlare di soluzioni è veramente difficile. Si rischia di sfociare nel “wishful thinking”, nel “sarebbe bello”! La natura umana essenzialmente avida pone un limite invalicabile ad ogni tentativo di trovare una soluzione. Potremmo anche dirci che ci sono abbastanza risorse per tutti, ma basta che all’interno di una comunità ci sia un solo soggetto avido e non è più possibile rimanere in equilibrio. Supponiamo di essere dieci persone ed avere un albero con dieci frutti, Basta che uno di noi ne mangi due, dicendo “avevo fame” ed uno di noi resterebbe inevitabilmente a bocca asciutta. E questo si verifica sempre. Ripeto, è la natura umana!

Basterebbe seguire la semplice regola di fare agli altri quello che vorremmo fosse fatto a noi.

C’è un passaggio nei ricordi di Marco Aurelio che dovrebbe essere la base per ricostruire la società che recita così: “siamo nel mondo per reciproco aiuto, come piedi, come mani, come palpebre, come i denti, di sopra e di sotto in fila; in conseguenza è contro natura ogni azione di reciproco contrasto”! Una volta arrivati a questo traguardo, forse saremo pronti a meritarci di vivere in pace e in armonia.

Informazioni su Piero Laporta

Dal 1994, osservate le ambiguità del giornalismo italiano (nel frattempo degenerate) Piero Laporta s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come d'altronde sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante di tv e carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. Lingue conosciute: dialetto di Latiano (BR) quasi dimenticato,, scarsa conoscenza del dialetto di Putignano (BA), buona conoscenza del palermitano, ottima conoscenza del vernacolo di San Giovanni Rotondo, inglese e un po' di italiano. È cattolico, non apprezza Bergoglio e neppure quanti lo odiano, sposatissimo, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a UMANI: FATE SCHIFO! HUMANITY: YOU SUCK! – by A. Cecchi

  1. Andrea Cecchi scrive:

    Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.