Messina Denaro e l’Ergastolo Annacquato dei Togliattisti

Gira, gira e rigira, si torna su Aldo Moro e i suoi assassini e mandanti. Partono da lontano tanti fatti a concomitare sul proscenio massmediatico, promuovendo quali attori di scena delle comparse da due soldi, al fine di far dimenticare come al solito i protagonisti di questa insanguinata Repubblica italiana: le vittime del terrorismo.
Sotto gli occhi degli italiani è andata in onda una battaglia per non annacquare l’ergastolo dei terroristi, soprattutto di Moretti Mario, uno che la sa lunghissima. La battaglia per ora è stata vinta dai Carabinieri. Ora nessuno da sinistra può invocare “l’ergastolo annacquato” senza apparire un soccorritore di Matteo Messina Denaro, trent’anni di latitanza. La tecnica per scrollare dall’ergastolo i terroristi BR è togliattismo sofisticato come quello che uccise Aldo Moro: la mano fu sovietica, coi BR a fare da burattini, poi scaricarono la responsabilità sugli Stati Uniti.
Aldo Moro fu torturato e i referti autoptici, incompleti e reticenti, non furono mostrati ad alcuna commissione parlamentare di inchiesta. Questa complicità sotterranea fra togliattisti e democristiani s’è risvegliata per annullare l’ergastolo.
Circolo Arci San Lazzaro di Savena, metà gennaio 2023, congresso della Cgil, quella un tempo diretta da Giuseppe Di Vittorio, leale nemico politico di Aldo Moro; ambedue ebbero sul fronte opposto Giorgio Napolitano. Oggi la Cgil è finita nelle mani di Maurizio Landini. Dopo l’elezione del segretario bolognese, Michele Bulgarelli, risuona in sala l’inno sovietico. Applausi e pugni chiusi, col Landini in prima fila. Significa: siamo tornati, state ai nostri ordini. Di chi, gli ordini? Non ha importanza, per ora che restino sull’attenti e col pugno stretto, bene in vista.
Alcune settimane fa anche il pugno del compagno Bellocchio Marco s’è levato, presentando la serie TV su Aldo Moro, il politico pugliese, stimato da Giuseppe Di Vittorio, detestato da Giorgio Napolitano, da Gianni Agnelli, dai vertici della DC tosco-emiliana, sarda, partenopea e buona parte di quella siciliana. Poi si chiedono perché morì. Che cosa dice di interessante la serie del Bellocchio? È più interessante quello che non dice. Aldo Moro fu torturato, a lungo e crudelmente, durante la prigionia. Il referto autoptico che certifica quattro costole rotte in tempi differenti e un vasto edema celebrale, come s’è detto, è stato nascosto a tutte le commissioni di inchiesta e a tutti i giudici. Chi era presente all’autopsia di Aldo Moro? L’avvocato di famiglia, Giuliano Vassalli, socialista.
Quando si dice la coincidenza, è iniziata da poco la serie “Il Nostro Generale”. Parte con due disinformazioni altrettanto pesanti come quelle del compagno Bellocchio. Il rapimento del giudice Mario Sossi impegnò 18 BR e non tre o quattro come gabella “Il Nostro Generale”. Figurarsi quante decide e decine furono necessarie in via Mario Fani. Secondo. Non ci fu nessun tamponamento della Fiat 130 sulla Fiat 128 dei sicari in via Mario Fani. La Fiat 130 seguì la Fiat 128 per un lungo tratto perché così fu ordinato a Oreste Leonardi da un’autorità dello Stato. Tanto il tamponamento nella serie del Bellocchio quanto quello nella serie di Dalla Chiesa, sono farlocchi e utili al depistaggio, tenendo i riflettori lontano dai mandanti. Il tamponamento fu impossibile. Non si è d’accordo? Si ricostruisca la scena in poligono, dall’arrivo della Fiat 130 alla partenza della Fiat 132, con Aldo Moro a bordo, secondo gli inquirenti del tempo ma senza le sue impronte papillari.
Domenico Ricci, arrestandosi dietro l’auto dei sicari, si trovò accanto all’Austin Clubman che aveva a bordo un altro sicario, quello che fulminò Oreste Leonardi da destra. Quando si dice la coincidenza il Bellocchio ha dimenticato di porre sulla scena questa Austin Clubman.
Ed ecco la cattura di Matteo Messina Denaro, dopo trent’anni di latitanza. Se si fosse consegnato dopo la legge che annacqua l’ergastolo sarebbe stato un gioco da ragazzi concentrare l’attenzione delle telecamere su di lui. Qualche rivelazione pour parler e sarebbe passato come pentito di mafia a carico del governo di destra che lo favoreggia. Si sa, i criminali sono solo a destra. I protettori del Moretti Mario avrebbero avuto buon gioco a tirarlo del tutto fuori dalla sua galera a cinque stelle. Che diamine lo vuole la Corte Costituzionale, si può dire di no? Ma sì, assicuriamo al compagno Moretti Mario una serena vecchiaia e una bella pensione.

Lettera Anagramma Note
sopratutto questa ragione di Stato nel mio caso significa fino quaggiu dopo masseria isolata con tre tetti nascosti Lettera a Cossiga del 26 Marzo
riprendendo lo spunto accennato innanzi sulla mia attuale condizione dondon lontano no alzar recinzione insidia puntute cupa cella sminate Id.
che io mi trovo sotto un dominio pieno e incontrollato io preso con elicottero no volti noti ho dato un minimo Id.
sottoposto ad un processo popolare che può essere opportunamente graduato prato e posto dantesco pretese popolo russo urge uso paracadute non ho tempo Id.
ricordi la mia fortissima resistenza sopratutto per le ragioni di famiglia a tutti note costole rotte tortura milza sfinito spia punita arma radiotelegrafati dirigenti Lettera a Zaccagnini 20 Aprile
poi mi piegai come sempre alla volontà del partito preda ipnosi mi tempra moto epigeo località valle Id.

Un mese fa uno che conosce bene la Sicilia, profetizzò che Messina Denaro si sarebbe consegnato. Messina Denaro nel frattempo “l’hanno preso e non si è consegnato com’era sua intenzione”. Lo hanno preso i Carabinieri sparigliando le carte di chi avrebbe gradito si consegnasse. Adesso far passare la legge che annacqua l’ergastolo non è più possibile, a meno di non voler apparire complici del boss.
Così rimangono nei guai i bravi ragazzi che sbagliano a fare i BR, immortalati nelle serie servili e omertose.
Rimane pure Aldo Moro di fronte a noi, tradito dagli amici e da tutti i partiti, ucciso per liberare la scena politica e consegnare ad altri il Quirinale. Un capolavoro di togliattismo, evidentemente ancora in vita e pericoloso, non solo a San Lazzaro di Savena.
Giorgia Meloni è avvertita questi sono i trappoloni che deve attendersi per cadervi con tutti gli altri fascisti.
Aldo Moro ha svelato da tempo il suo mistero; coi suoi anagrammi ci ha detto come sono andate le cose. Li abbiamo pubblicati e fanno finta di non vedere nelle procure e nel Quirinale.
Individuino intanto chi fu la spia dell’Arma che dal covo toscano radiotelegrafava ai dirigenti (in grassetto nella tabella). Suvvia non dovrebbe essere difficile individuare un ufficiale punito dall’Arma in quel periodo e organico al SISMI, magari diventato generale nel frattempo. Ci sono ancora troppi aspetti da chiarire su Aldo Moro e i suoi assassini, prima di cancellare l’ergastolo sul capo di assassini, complici servi e mandanti. Cristo Vince, sempre, anche contro la criminalità organizzata e contro i togliattisti che hanno insanguinato l’Italia.

Informazioni su Piero Laporta

Dal 1994, osservate le ambiguità del giornalismo italiano (nel frattempo degenerate) Piero Laporta s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come d'altronde sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante di tv e carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. Lingue conosciute: dialetto di Latiano (BR) quasi dimenticato,, scarsa conoscenza del dialetto di Putignano (BA), buona conoscenza del palermitano, ottima conoscenza del vernacolo di San Giovanni Rotondo, inglese e un po' di italiano. È cattolico, non apprezza Bergoglio e neppure quanti lo odiano, sposatissimo, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.