Dolori del Dollaro – di D. Nerozzi

Finora nessuno aveva nemmeno immaginato di sfidare l’egemonia del Dollaro, o meglio chi ci ha provato è finito male, ma adesso con la guerra in Ucraina sembra che le cose stiano per cambiare. Si affaccia il Rublo e fa rumore.

E’ dal 1944, quando si stava delineando la disfatta del nazifascismo, che divenne chiaro che gli USA erano destinati a diventare la nuova potenza mondiale e di conseguenza il dollaro divenne la moneta di riferimento (Conferenza di Bretton Wood). All’epoca il valore del dollaro era sostenuto dalle riserve auree custodite negli USA, ogni oncia di oro valeva 35 dollari, il prezzo delle altre valute era stabilito in riferimento al dollaro. 
Nei loro molteplici tentativi di “esportare la democrazia” nel mondo, gli americani, dal dopo guerra in poi, avevano profuso un’enorme quantità di denaro, fino a che con la guerra in Vietnam si stava delineando una possibile insolvenza dell’amministrazione americana.
Il primo a capire la situazione fu il presidente della Francia De Gaulle che chiese di vedersi restituire in oro parte delle riserve monetarie detenute in dollari, mettendo così in seria difficoltà gli USA, anche perché atre nazioni si apprestavano a fare altrettanto. 
Toccò al presidente Nixon, nel 1971 , l’onere di chiudere l’era della convertibilità in oro del dollaro per evitare l’azzeramento delle riserve auree americane. A questa decisione seguì la svalutazione immediata del dollaro rispetto alle altre monete, a quel punto per rimediare al tracollo totale entrò in campo Henry Kissinger, allora ministro degli affari esteri, che riuscì a fare un accordo con i sauditi che, da quel momento, si impegnavano a vendere il loro petrolio in dollari. In cambio i sauditi ricevevano non solo protezione militare ma anche la promessa di far lievitare il prezzo del petrolio, cosa che si verificò puntualmente con la guerra dello Yom Kippur nel 1973. 
L’accordo stabilito con l’Arabia saudita, e con i paesi produttori di petrolio aderenti all’OPEC, ha retto per un quarto di secolo fino al 2000 quando Saddam Hussein decise di pagare in euro il petrolio iracheno, seguito a ruota dal leader libico Muhammar Gheddafi. 
La NATO si mobilitò immediatamente per eliminare il pericolo di uno sganciamento del mondo arabo dal dollaro mostrando al mondo intero le prove dell’esistenza di armi di distruzione di massa presenti in Irak. Le prove presentate risultarono, poi, false ma furono sufficienti per giustificare la distruzione del paese e la condanna a morte del presidente iracheno. Gheddafi e la Libia seguirono la stessa sorte, il paese venne distrutto dalle bombe, sempre ad opera della NATO, e gli avversari di Muhamar Gheddafi in patria fecero il resto. 
Anche il leader egiziano Mubarak si era lasciato sedurre dall’idea di sfuggire al dominio del dollaro, ma anche lui venne rapidamente destituito dal suo incarico e messo ai ferri. La Siria di  El Assad, che aveva accarezzato lo stesso sogno, si trova tutt’ora in guerra e non ha fatto la fine degli altri statisti solo grazie all’intervento della Russia che ne ha impedito l’esito programmato. 
Il sogno dei paesi dell’Africa e del Medio Oriente di uscire dal sistema del Fondo Monetario Internazionale e sostenere le imprese locali creando una Banca panafricana, e Medio orientale,  è stato contrastato brutalmente. Chiunque sfiori il tema uscita dal dollaro e dal Fondo monetario Internazionale è destinato ad affrontare una guerra. 
La guerra Russo Ucraina ha dato il via al nuovo tentativo di uscire dalle grinfie speculative della finanza internazionale di cui non è facile prevedere l’esito, un fatto sembra comunque certo il tempo del dollaro inteso come moneta di riserva globale sta finendo.

 

Informazioni su Piero Laporta

Dal 1994, osservate le ambiguità del giornalismo italiano (nel frattempo degenerate) Piero Laporta s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come d'altronde sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante di tv e carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. Lingue conosciute: dialetto di Latiano (BR) quasi dimenticato,, scarsa conoscenza del dialetto di Putignano (BA), buona conoscenza del palermitano, ottima conoscenza del vernacolo di San Giovanni Rotondo, inglese e un po' di italiano. È cattolico, non apprezza Bergoglio e neppure quanti lo odiano, sposatissimo, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.