Umberto Eco nel Circolo dei Signori

Umberto EcoUmberto Eco, guru della comunicazione, non ama il popolo del web, che ricambia sbertucciandolo

Non fosse per Ansa parrebbe una cyber bufala. Il comunicatore d’Italia scomunica i social media: «…danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli». Umberto Eco, proprio lui. Il popolo del web lo ha coperto di contumelie.
Questa reazione non vi fu quando, tempo addietro, Antonio Ricci, guru della tivvù, fu ben più caustico che Eco: «Fa diventare ciechi. Internet è una gigantesca pippa di massa, un onanismo transcontinentale» spargendo tuttavia ironia, invece assente in Eco, il quale, storicizzando astiosamente il fenomeno, appare anzi vessillifero d’una tesi reazionaria, aleggiante fra la rivoluzione industriale e la prima guerra mondiale: “I signori parlano, i cafoni tacciano”.
Chi può ricordare – Eco ne parrebbe anagraficamente idoneo –  converrà che, non il bar dello sport, bensì il “Circolo” (sotto varie specie: Unione, dei Signori, dei Nobili, della Cultura, ecc.) ospitò i futili conversari della classe dominante. Per i rimanenti vi fu l’osteria e le sue sbronze, con imprecazioni e frustrazioni da sbollirsi in camera di sicurezza coi carabinieri oppure a casa, con una dormita o picchiando l’incolpevole compagna, ovvero con le possibili combinazioni di tutto ciò. La necessità d’altri modi di comunicare fu testimoniata dalle Camere del Lavoro, dalle Case del Fascio o dagli oratori, con dialettiche note, ben prima del postfascista democristiano bar dello sport.
Ricci, irriverente e crudo, appare più vero di Eco. Si direbbe, a sentire Eco, che la classe dominante ghettizzi il web come un tempo l’osteria: ti inebri nel social network, discuti virtualmente, lasciando nel limbo dell’irrisolto montagne di problemi. Prima o poi potrebbero destarsi le coscienze degli avventori inebriati, convincendosi che il circolo dei signori sia stato rifondato per mano di quelli come Eco, facendo loro rimpiangere l’aborrito bar dello sport.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Qualunque sito o blog può pubblicare liberamente metà dell’articolo se e solo se rimanda per la lettura completa alla pagina originale 

http://www.pierolaporta.it/?p=10871

Differenti utilizzi dei contenuti di questo sito sono consentiti solo col consenso dell’autore. Le foto di questo sito vengono in larga misura da Internet, valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori non fossero d’accordo, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.