Agente Kasper Supernotes

kasperVi sono libri schiocchi e libri inutili. Agente Kasper Supernotes, unisce forse un’altra a tali due qualità: è ambiguo.

È sciocco perché è abborracciato e la trama deboluccia. Più che altro ricorda certi romanzetti della serie “Segretissimo”, offerti negli anni ’60 da Mondadori nelle edicole delle stazioni ai poveri pendolari, la cui condizione si direbbe peggiorata di pari passo con la, diciamo così, letteratura cui possono accedere.

L’inutilità deriva dalla qualità precedente, cui si aggiunge un racconto che tenta vanamente di apparire verosimigliante.

La storia. Il protagonista è uno degli innumerevoli agenti dei servizi segreti italiani (sono più o meno quanto le polizie, costano in proporzione di più e rendono ancor meno). Ha fatto uno sgarbo alla Cia e questa lo ha fatto rinchiudere in una prigione cambogiana (che non dovrebbe avere nulla a che fare con Langley, ma tutto fa brodo) per farvelo eliminare. Il protagonista la scampa nonostante abbia scoperto la zecca clandestina delle “supernotes”, le perfette banconote vere/false da 100 dollari, stampate indovinate da chi? Dalla Corea del Nord. Per conto di chi? Della Cia? Se il romanzetto fosse stato spacciato per quello che è, un romanzetto appunto, poteva pure andare. L’Autore invece cerca di farlo passare come romanzo-verità; allora qualche dubbio è lecito, se non altro perché il protagonista e l’autore sono tuttora in  buona salute – buon per loro – mentre la cattivissima e suscettibile Cia non  sembra per niente offesa.

La tesi delle perfette banconote false, quando si dice la coincidenza, ne fiancheggia un’altra analoga, messa in circolazione proprio in questi giorni, quando si dice la coincidenza, mediante una nuovissima fiction statunitense: masse di nuove banconote da 100 dollari, anche queste, pensate un po’, falsificate e tuttavia perfette, identiche a quelle vere, a dispetto della massima sofisticazione di stampa imposta dalla Banca federale.

A pensar male di Agente Kasper Supernotes si fa peccato? Ma no, egli è uomo di mondo e magari adesso è ancora più incazzato perché lo stanno usando, chissà chi?, per far passare l’idea che una massa dei troppi dollari circolanti, davvero troppi, sia falsa. Be’, non sarebbe una grande scoperta.  E per colpa di chi? Della Fed, con le sue rotative surriscaldate? No, di quelle canaglie della Corea del Nord. Se non credete alle sue tesi dell’agente Kasper, andate a controllare a Pjongjang, come avreste fatto con le armi di distruzione di massa a Baghdad o a Teheran; oppure magari ci facciamo una bella guerretta o una bella risata, dipende.

Mentre la tensione sale nel mar della Cina, stiamo in guardia per capire se Agente Kasper Supernotes sia un libro solo inutile e sciocco.

CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI MEDIANTE FACEBOOK, GOOGLE+, TWITTER 

conflittiestrategie elio
[swfobject]4496[/swfobject]height=”250px” width=”300px”

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.