CASE: UN ESERCITO DI LADRI

CASE RUBATEGiovani ufficiali premono perché siano recuperati i 5.384 alloggi illegalmente occupati da altrettanti colleghi.

Aspra battaglia generazionale nelle forze armate intorno agli “alloggi”. Giovani ufficiali, soggetti anche a tre trasferimenti in sei anni, premono perché siano recuperati i 5.384 alloggi oggi illegalmente occupati da altrettanti colleghi. Essi sottoscrissero un impegno a restituirli. «Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina e onore tutti i doveri del mio stato…» giurò l’ammiraglio XXX e se ne dimenticò, agguantando duecento metri quadri a piazza di Spagna. Dignità? Leggi? Andato in pensione, l’ammiraglio si tenne la casetta da un milione di euro e tenterà d’acquistarla a costi stracciati. È andata bene ad altri, a Roma come altrove. La Corte dei Conti ammonì la Difesa incline «a premiare con un riconoscimento di legalità un comportamento abusivo, protratto a detrimento innanzitutto dello Stato e poi di altri potenziali beneficiari».

Vero. Oggi tuttavia i giovani colonnelli a via XX Settembre non sono malleabili (o corruttibili) come i generali che fino a una decina d’anni fa dispersero gli immobili della Difesa a vantaggio proprio e dei propri amici. D’altro canto, anche taluni parlamentari sono schierati con quanti, dopo aver goduto illegittimamente per decenni di case a costi irrisori, oggi rifiutano sia gli adeguamenti del canone sia l’acquisto a costi di mercato. Rosa Villecco Calipari del PD e Aldo Di Biagio di Scelta Civica sono gli onorevoli più gettonati dai militari occupatori abusivi. I due parlamentari infatti sono autori di due disegni di legge (A.C. 161 e A.S. 231) coi quali tenteranno di vanificare le sentenze del Consiglio di Stato che ha rigettato una quantità di ricorsi contro il decreto ministeriale del 16 marzo 2011, col quale si stabilirono due principi che dovrebbero essere lapalissiani in uno stato di diritto: chi non ha più diritto, a norma di legge, a occupare un immobile dello stato, deve lasciarlo; mentre lo occupa abusivamente deve pagare una pigione a costi di mercato.

Marescialli e dei funzionari di basso livello piangono miseria, senza chiedersi come hannoIL TEMPO fatto i loro 100mila dignitosi colleghi. Dietro questi si nascondono generali e ammiragli (come quello di piazza di Spagna) pronti al colpaccio della loro vita: non pagare gli arretrati delle pigioni ricalcolate a costi di mercato e acquistare a costi stracciati le residenze occupate anche da venti, trenta e più anni. Sono appoggiati dagli onorevoli Rosa Villecco Calipari e Aldo Di Biagio, che premono perché la Difesa metta sul mercato a prezzi stracciati anche gli alloggi indispensabili per i fini istituzionali.

I disegni di legge mettono sullo stesso piano gli abusivi (i c.d. sine titulo) e quelli chedibiagio invece hanno pieno diritto all’alloggio. I militari più giovani sono assolutamente contrari. «Se davvero è solo per fare cassa» osserva un giovane capitano «allora diano la precedenza a coloro che non hanno una casa, non a quelli che l’hanno occupata illegalmente da decenni». Come dargli torto? Eppure il legislatore vorrebbe favorire 5mila abusivi a danno di 150mila persone che hanno osservato la legge. Migliaia di abusivi che non hanno mai pagato l’Ici e neppure le prime rate dell’Imu. Un’intollerabile privilegio che offende decine e decine di migliaia di pendolari in divisa, che non hanno alloggio nelle città più colpite da questa particolare forma di occupazione abusiva, particolare e tutelata, come s’è visto, da illustri parlamentari.

Situazione economica e volume della dissipazione rendono insostenibile ogni ulteriore difesa dell’abuso. Sono necessari 70mila alloggi per soddisfare le esigenze di mobilità delle forze armate. Sono disponibili solo 18.447 case, delle quali 5.384 (il 30%) in mano di abusivi, duemila dei quali protetti e non sfrattabili secondo la legge. Anche su questo vi sono forti contestazioni. Deceduto un colonnello, abusivo per 35 anni in un appartamento nel centro storico romano, pagando cifre irrisorie, la vedova è ora sotto la protezione della legge. Il giovane ufficiale è categorico: «Questa vedova ci sottrasse illegalmente una casa insieme al marito, il quale, morendo, l’ha resa non sfrattabile. Inaccettabile». Affiorano frattanto vaste zone di illegalità, con documenti falsi e redditi non dichiarati, che avrebbero dovuto attirare l’attenzione dei comandi militari di Roma e Napoli. Indagini sono in corso.

conflittiestrategie elio

 

[swfobject]4496[/swfobject]height=”250px” width=”300px”

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, ilcorrieredellacollera, libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

3 risposte a CASE: UN ESERCITO DI LADRI

  1. voxinter dice:

    la punizione peggiore non è la morte, ma farli vivere come abbiamo e siamo potuti riuscirci noi. si suiciderebbero da soli. ciao

  2. cosimo dice:

    il generale pietro la porta è il classico generale che ha avuto sempre tutto, non per le sue capacità ma, perchè indossava una divisa. non parla mai di quelle cose che ha ottenuto senza sforzo, compreso gli alloggi che ha abitato e nelle quali la gentile consorte ha voluto delle modifiche con i soldi dello Stato italiano rubati da capitolati dei senza titolo come li chiama ora. è un degno compagno dell’ammiraglio DE GIORGI della marina il quale si vanta di bere solo moet schandon e noccioline appena tostate dal cuoco sulla nave, altrimenti non riesce a digerire. POVERINI. sarebbe opportuno metterli a testa in giù a PIAZZALE LORETO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.