Ho Convinto un Nigeriano a non Restare qui a Fare lo Schiavo

My rather poor means have been useful in repatriating migrants to Africa more than Minister Marco MinnitiNon restare qui a fare fare lo schiavo! I miei poveri mezzi, utili a rimpatriare migranti in Africa  #CinaFranciaGermaniaSonoNemici

My rather poor means have been useful in repatriating migrants to Africa more than Minister Marco Minniti’s expensive war machine. Thanks to me, in fact, a Nigerian citizen has been repatriated; that’s one hundred percent more than the Interior Ministry has achieved.

For some time now, whenever I see an African begging, I offer a coin, which is useful in breaking the ice, and then I investigate the motivations that led him here.

I met Richard – let’s call him so – at the beginning of this year, in front of a Carrefour supermarket, offering to push my shopping cart full of groceries load them in my car, and get to keep the coin that I had inserted to get the cart. He was somewhat surprised when I gave him another euro, making it easy to start a conversation.

His name betrayed his Christian origins. That didn’t surprise me. Contrary to popular belief, many immigrants are Christians.

Richard had been a schoolboy at a Protestant Mission and he speaks excellent English. He would have wanted to study medicine but, for years, Nigeria does not offer a future to young Nigerians; just like Italy, after all.

China occupies Nigeria, with arms and with its factories. They build roads, construct buildings, stadiums, and shopping malls; all of very poor quality. They mix sea sand in the concrete and in roadbeds, and after a short time the roads split apart and buildings become unstable. But they don’t worry about it: they keep building in the same places and in the same manner. One might say that they care most of all to occupy our country permanently. Labor costs? Zero, or almost. They employ slaves brought in from Chinese prisons. When forced to employ local labor, the more fortunate Nigerians earn a dollar for a day’s work of twelve, fourteen, and even eighteen hours. The agreements with the Nigerian Government include massive imports of Chinese manufactured goods. This has caused the cost of labor to collapse, and local production as well.

While China expanded, hand in hand the terrorists of Boko Aram diminished and watered down their activities. Coincidences?

Richard’s analysis is fiery. However, it is missing an important detail.

Why did you come here? I ask him. Actually, he seems to speak a lot about Nigeria but little or nothing of himself, and of what convinced him to come. Perhaps he has trouble coping with a personal budget. Shortly afterwards he admits that in Nigeria he was better off, and had never been forced to beg.

I insist. Why did you come here?

“I was promised that in Italy I would have been fine. I would have had a home, I could have studied, and worked. They came to tell us that, going house to house, especially in Christian neighborhoods. They show you television programs, and everything seems nice.»

Why is it that almost all of you are male? He doesn’t know the answer, and yet he surprises me with the cost of transportation from Nigeria to Italy: a total of 1500 euro. Bargain prices, not even a third of what was requested up to five years ago. Traffickers have become charitable? Who pays the difference? How is it repaid?

Richard begins to understand and is visibly shaken. It’s only our first meeting and I don’t want to press him too hard. I will be investing other coins in the weeks to follow, even though I don’t like Carrefour supermarkets.

At our next meeting I came down hard on him.

Richard, do you know why you came here? To be a slave and a puppet.

We have now developed some trust and confidence in one another, nevertheless I fear a punch coming. Instead, he looks carefully at me.

There was a time when we Italians would go to gather slaves. Now we make sure that they get here by themselves, and that they even pay to come!

Here you will never find a decent job; you have already figured this out. For sometime Italy cannot assure even for Italians what you have been promised by those who pushed you to come here.

You must, however, wonder why certain organizations are pushing to separate young Nigerians males from their countries. What has happened to you does not take place only in Nigeria.  

Mali, Ivory Coast, Cameroon, Congo, Central African Republic, Tanzania, Ethiopia, Sudan, Libya … wherever there are French and German interests there is China with its industries, its manufacturing and its armed elements, and that makes you all their puppets. From those ravaged countries, young males, encouraged and cheated as you were, depart for Italy.

French and German interests coexist with the Chinese occupation. What does this mean? There is undoubtedly a strategic agreement among Paris, Berlin and Beijing. The Chinese ensure the plundering of raw materials at affordable prices for the Germans and the French. The latter actually guarantee international support for the operation. 

They have a problem, however: they must control social pressure and dissent. The only way is to get the young males out of the way, especially the young and educated Christians, to prevent that local opposition clashes against this exploitation.

You see, our enemies, the enemies of Italy are France and Germany. Your enemy is China; Chinese slave drivers.

Richard nodded, visibly shaken.

After those initial discussions, I had other interesting exchanges with Richard and other unlucky companions in his misfortune, committed to begging because the left-leaning welcoming charitable organizations rob them.

About a month ago, at the end of the conversation, Richard surprised me: “I came back to fight China.” I am going back to fight China.

We hugged. I left him a very substantial contribution, an investment in an ally, an ally against deadly enemies after all: China, Germany and France.

Good luck, Richard

Suggerisco di leggere (Recommended reading)

1) Accordo climatico, il grimaldello degli schiavisti

2) Vergogna?!? (lettera a Papa Francesco)

 

I miei poveri mezzi sono stati utili per rimpatriare migranti in Africa, più della costosa macchina da guerra del ministro Marco Minniti. Grazie a me, infatti, è rimpatraito un nigeriano; il cento per cento in più di quanto abbia realizzato il Viminale.

Da tempo, ogni volta che un africano mi chiede l’elemosina offro una moneta, utile a rompere il ghiaccio, per poi indagarne le motivazioni che lo condussero qui.

Richard, chiamiamolo così, lo incontrai agli inizi di quest’anno, davanti a un Carrefour; portava all’auto il carrello pieno, per scaricarlo e ricavarne la moneta che vi avevo inserito. Rimase alquanto sorpreso quando gli detti un altro euro e fu dunque facile attaccare bottone.

Il nome tradiva l’origine cristiana. Non mi sorprese. Al contrario di quanto si va dicendo, moltissimi immigrati sono cristiani.

Richard fu scolaro in una missione protestante; parla un ottimo inglese; avrebbe voluto studiare medicina ma, da anni, la Nigeria non dà un futuro ai giovani nigeriani, come l’Italia d’altronde.

La Cina occupa la Nigeria, con le armi e con le sue imprese. Costruiscono strade, palazzi, stadi, centri commerciali. Tutto di pessima qualità. Nel calcestruzzo e nelle massicciate stradali mettono sabbia di mare; dopo poco tempo le strade si spaccano e le costruzioni pericolano. Non se ne danno pensiero: riprendono a costruire negli stessi punti e allo stesso modo; si direbbe che a costoro importi più che altro occupare permanentemente. I costi di manodopera? Zero o quasi: essi impiegano schiavi importati dalle carceri cinesi. Quando costretti a impiegare manodopera locale, i nigeriani più fortunati guadagnano un dollaro per una giornata di lavoro di dodici, quattordici persino diciotto ore. Gli accordi col governo nigeriano prevedono anche massicce importazioni di manufatti cinesi. In questo modo il costo del lavoro è crollato e le produzioni locali pure.

Mentre la Cina si irradiava, di pari passo i terroristi di Boko Aram si sono frazionati e annacquati. Coincidenze?

L’analisi di Richard è spietata. Manca tuttavia un importante dettaglio.

Perché sei venuto qui? Gli chiedo. Egli in effetti parla molto della Nigeria ma poco o nulla di sé, di che cosa lo convinse a venire qui. Forse ha difficoltà a fronteggiare un bilancio personale fallimentare. Poco dopo ammette che in Nigeria stava meglio e non era mai stato costretto a chiedere l’elemosina.

Insisto. Perché sei venuto qui?

«Mi hanno promesso che in Italia sarei stato bene. Avrei avuto una casa, per poter studiare e lavorare. Sono venuti a dircelo casa per casa, specialmente nei quartieri cristiani. Ti fanno vedere le immagini della televisione e tutto sembra bello.»

Perché siete quasi tutti maschi? Non sa rispondermi e tuttavia mi sorprende col costo del trasporto dalla Nigeria in Italia, per quanto è basso: in totale 1500 euro. Prezzi stracciati, neppure un terzo di quanto richiesto fino a cinque anni fa. I trafficanti sono diventati caritatevoli? Chi paga la differenza? Come viene ammortizzata?

Richard comincia a capire ed è visibilmente scosso. È solo il nostro primo incontro e non voglio calcare la mano. Investirò altre monete nelle settimane successive, anche se non mi piace Carrefour.

All’incontro successivo sono andato giù di piatto.

Richard sai perché sei venuto qui? Per fare lo schiavo e la marionetta.

Siamo abbastanza in confidenza, non di meno temo un cazzotto in arrivo. Mi ascolta invece con attenzione.

Un tempo noi andavamo a prendere gli schiavi. Ora facciamo in modo che essi vengano da soli, anzi paghino per venire.

Qui non troverai mai un lavoro decente, lo hai già capito. L’Italia da tempo non può assicurare neppure agli italiani quanto ti è stato promesso da chi ti spinse qui.

Devi tuttavia domandarti perché le organizzazioni premono per distaccare i giovani maschi nigeriani dalla loro patria. Quanto è successo a te non accade solo in Nigeria.

Mali, Costa d’Avorio, Camerun, Congo, Repubblica Centro Africana, Tanzania, Etipia, Sudan, Libia… ovunque via siano intereressi francesi e tedeschi vi è la Cina con le sue industrie, le sue imprese e i suoi armati, che fa di voi le sue marionette. Da quei paesi martoriati partono, incoraggiati, imbrogliati come lo sei stato tu, giovani maschi alla volta dell’Italia.

Gli interessi franco germanici convivono con l’occupazione cinese. Che cosa significa? C’è indubbiamente un accordo strategico tra Parigi, Berlino e Pechino. I cinesi assicurano il saccheggio delle materie prime a prezzi convenienti per tedeschi e francesi. Quest’ultimi garantiscono l’appoggio internazinale all’operazione.

Hanno però un problema: devono controllare la pressione sociale, il dissenso. L’unica strada è allontanare i giovani maschi, specialmente i giovani cristiani e istruiti, evitare che lo sfruttamento si scontri con un’opposizione autoctona.

Vedi, i nostri nemici, i nemici dell’Italia sono Francia e Germania. Il tuo nemico è la Cina, gli schiavisti cinesi.

Richard annuì, visibilmente scosso.

Dopo quelle prime discussioni, ho avuto altri interessanti scambi con Richard e altri suoi sfortunati compagni di sventura, impegnati a elemosinare perché le caritatevoli organizzazioni dell’accoglienza cattosinistra li derubano.

Circa un mese fa, a conclusione della conversazione, Richard mi ha sorpreso:«I came back to fight Cina». Torno per combattere la Cina.

Ci siamo abbracciati. Gli ho lasciato un contributo più consistente, un investimento su un alleato, dopo tutto un alleato contro nemici mortali: Cina, Germania e Francia.

Buona fortuna, Richard.

Pubblicato dal quotidiano La Verità (Published by the Italian newspaper “La Verità”) 27 Luglio 2017  

 

 

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg)
Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia.
È cattolico, sposato, ha due figli.

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 risposte a Ho Convinto un Nigeriano a non Restare qui a Fare lo Schiavo

  1. Maria Francesca Arguello dice:

    Ben ha fatto Trump a far capire alla Cina che i loro giochetti non saranno più così facili come nell’era Obama.
    Ha mostrato i muscoli alla nuora, vedi Corea del Nord, perché suocera, ovvero Cina, intenda.

  2. Alessandro Gentili , dice:

    Chi è minimamente informato sa che in Africa vivono più di 200 milioni di cinesi! I cinesi e la Cina hanno un surplus di abitanti ed hanno necessità di risorse: l’Africa risolve tutti i suoi problemi sia con spazio vitale immenso per i suoi cittadini sovrabbondanti che per l’enormità di risorse inutilizzate.
    La politica di liberarsi dei giovani che possono rivendicare posti di lavoro o creare seria opposizione a questa conquista inesorabile sfocia nella spinta all’emigrazione epocale (per quei coglioni che ci governano e per un Papa inadeguato per un mondo così complesso) ovvero una emigrazione necessitata per quei volponi che hanno capacità e potenzialità strategiche (UK, Francia, Germania, Cina, India, ecc.) che a noi mancano, atteso che in Italia sono in politica i meno dotati culturalmente ed intellettualmente, in definitiva tutti quelli che nella vita non sono riusciti a combinare nulla di buono.
    Ora apprendiamo, caro Piero, che addirittura molti nostri immigrati delle ultime generazioni di migranti (quelli che chiamavamo extracomunitari) in realtà erano arrivati in Italia molti anni fa e, non avendo fatto fortuna, sono riusciti ad andare in Libia e da lì si sono imbarcati per tornare in Italia con la nuova veste di migranti ed il nuovo regime di accoglienza con vitto, alloggio, paghetta e ricorso con patrocinio gratuito al momento del rigetto dell’istanza di essere trattati da rifugiati politici!!!
    Ma, cari amici, il bello è che sono i commercialisti, gli avvocati e altre figure professionali italiane che suggeriscono a costoro queste strade fortunose!
    Insomma, finiremo mai di stupirci di qualcosa?
    Arriverà anche in Italia una notte di san bartolomeo? temo che non potrà non arrivare.

  3. stefano rolando dice:

    Si intuiva che c’è una strategia dietro a movimenti così macroscopici,ed è comprensibile che la Cina trovi più appetibile e facile l’Africa che la Siberia peraltro ben difesa;Trump pensa che la Russia può essere più un alleato che un nemico anche dell’Europa,ma l’Europa l’ha capito?Le nazioni europee sembrano i galli di Renzo,ora con un gallo più gallo degli altri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *