Archivi tag: USA

Guerra in arrivo

Guerra al di là dell’orizzonte; #guerrainarrivo, non si vede ma non per questo la sua avanzata è più lenta Continua a leggere

Pubblicato in armi | Contrassegnato , , , , , , | 18 commenti

VIRUS FRA DRAGHI E TREMONTI, CINA, USA E UE di L. Prando

Mario Draghi, Giulio Tremonti, UE, Cina e petrodollari. All’orizzonte governo Draghi, poi al Quirinale per acclamazione? Super Mario detta legge dal Monte Sinai della finanza, il Financial Times. Cura o veleno? Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , , , , , | 1 commento

Come Siamo Diventati Schiavi della UE – Quarta Parte

Come Siamo Diventati Schiavi della UE – Quarta Parte – L’Italia, fatta a brandelli da Mani pulite, firmò Maastricht. Le inchieste sulle tangenti stavano spazzando via l’intera classe dirigente del Paese, privato della capacità di riconoscere i propri interessi. In quegli anni i colossi esteri iniziarono a conquistare la Penisola. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Come Siamo Diventati Schiavi della UE – Terza Parte

Come Siamo Diventati Schiavi della UE – Terza Parte – La caduta del muro di Berlino e il tentativo di derubare la Russia delle sue ricchezze. Il popolo di Mosca salva la Russia dai traditori e dagli speculatori, i quali si gettano su Jugoslavia, Grecia e Italia. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , , , , | 4 commenti

Come Siamo Diventati Schiavi della UE – Seconda Parte

I Trattati della UE sono l’arma per sottomettere e conquistare le nostre ricchezze. Francia e Germania applicano la lezione di Machiavelli con la complicità del Partito Democratico. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Come Siamo Diventati Schiavi della UE – Prima Parte

Parigi e Berlino depredano l’Africa e scaricano i profughi su di noi. Francia e Germania, insieme alla Cina, sfruttano l’Africa per controllare tutto il Mediterraneo, destabilizzando l’Italia. Solo Trump si oppone a questa strategia, difendendo gli interessi USA. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

HiTech garantisce la pace?

HiTech garantisce superiorità militare, vanno giurando dalle parti del Pentagono. Lo garantiscono le industrie. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , | 3 commenti

Sukhoi Su-24 contro F-16

Il Sukoi Su-24 russo abbattuto perché aveva sconfinato per 17 secondi in Turchia. E’ così, davvero? Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , | 11 commenti

Puttane Lenoni 25 Aprile bla bla

Puttane sozze politiche corrotte si plaudono il 25 Aprile bla bla e barconi capovolti, banche a mano armata, ulivi spiantati, guerra che s’approssima. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

ASSAD: La Francia serva degli USA

Assad accusa su France 2 TV : la Francia è un satellite degli USA e collabora a infiltrare il terrorismo in Siria 

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , | 6 commenti

Ordine e Caos – di F.Dezzani

Il mondo, da quando Lehman Brothers è fallita nel settembre del 2008, sembra essere impazzito e scivolato in una tale spirale di caos e violenza da dover tornare indietro di decenni per trovarne un precedente. Da allora abbiamo assistito a: crisi dell’euro, spread btp/bund a 500, governi non eletti guidati da ex-Goldman Sachs e affiliati di Bilderberg, primavere arabe, intervento NATO in Libia con annessa uccisione di Gheddafi, colpi di stato consecutivi in Egitto, guerra siriana, Gezi Park in Turchia, tentato intervento NATO contro Damasco, nascita e proliferazione dell’ISIS, stragi di Boko Haram in Nigeria, golpe di estrema-destra in Ucraina con conseguente annessione russa della Crimea, trattati segreti per il TTIP, guerriglia nel Donbass con annesso abbattimento aereo di linea, sanzioni a Mosca, firma della cooperazione economica sino-russa, tentata rivoluzione colorata a Hong Kong, attentato a Charlie Hebdo e molto altro ancora nei prossimi mesi. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

LA STRATEGIA DI BERGOGLIO

Bergoglio mette in primo piano l’unità fra Roma e Costantinopoli. È una strategia di estrema importanza e delicatezza che spiega in qualche modo il basso profilo del Vaticano sui temi dottrinali che porterebbero allo scontro frontale con la Casa Bianca e coi suoi caudatari in Europa, nella UE e al di là del Mediterraneo.
Sull’altro versante, Bergoglio evita di acuire le ragioni di dissenso con l’Islam, muovendosi con prudenza sull’incerto confine fra israeliani e palestinesi. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , , | 8 commenti

EBOLA, USA chiusi. E l’Italia?

La decisione di isolare nelle basi oltremare i militari statunitensi, provenienti dalle zone a rischio Ebola (la caserma Dal Molin di Vicenza è un esempio noto), descrive abbastanza compiutamente la volontà della Homeland Security di tenere i rischi fuori dal territorio statunitense e piuttosto spanderli nel resto del mondo. È un modo come un altro d’annacquare il rischio vantaggiosamente per i cittadini all’interno degli Usa. L’Italia e l’Europa dovrebbero rispondere alle misure statunitensi e al rischio oggettivo di diffusione della pandemia con contromisure adeguate e mirate. Non è così, come si può osservare, col passare dei giorni. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , | 3 commenti

LIBIA, Russia vs. USA – di F.Dezzani

Si intensifica“l’Operazione Dignità” del generale Khalifa Haftar per la riconquista di Bengasi e del controllo della Libia o almeno di una sua parte più profittevole. ed incassa le benedizione del premier Abdullah al Thani in esilio a Tobruk. Ora le ostilità sono aperte e le forniture militari russe, come in Siria ed Iraq, sarebbero decisive. Si profila uno guerra per procura tra Qatar-Turchia ed Egitto-Emirati Arabi Uniti. Cavalcando la sempre più evanescente influenza francese ed angloamericana, Mosca può rientrare nel gioco dopo la sua tentata estromissione nel 2011.
Oramai è chiaro: gli interessi italiani non coincidono più con quelli della NATO, controllata dagli USA. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , | 15 commenti

Ucraina non Sudamerica

Stratfor ha (ri)pubblicato un’analisi sull’ Ucraina, risalente a circa cinque anni fa. Sono stralci dal libro di George Friedman “The next 100 years”, Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

Non Basta Più la CIA

Due simpaticoni della CIA o di chissà quali servizi statunitensi (uno ha ammesso l’appartenenza, l’altro l’ha negata goffamente), hanno voluto prendere contatto con alcuni blogger italiani, fra i quali chi vi scrive. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , | 3 commenti

Renzi? Nottetempo…

Renzi non deve governare ma lacerare M5S e tentare di consolidare le fondamenta del Palazzo traballante Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , | 2 commenti

Datagate, la commedia europea

Lo svelamento del datagate e i dettagli rivelati da Edward Snowden sulla cyber intelligence USA sono comparabili a quanto fece Klaus Fuchs, il fisico di Lipsia naturalizzato inglese, arrestato nel 1950 per aver passato all’Urss i segreti della bomba H. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Palantir, il fisco ti spia dagli USA

Palantir, augmentation intelligence. E’ l’ennesimo software di analisi dei big data, messo a punto tre anni fa negli Usa. Software che può cambiare il modo di acquisire le informazioni. Sicurezza, comunicazione, sanità ed energia sono in piena rivoluzione grazie a Palantir, che dilagherà in Italia entro il 2020, Continua a leggere

Pubblicato in denaro, polis | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Apocalisse in 4

In realtà, questa strategia di tensione, continuata e crescente, logora prima di tutto proprio gli Stati Uniti. La politica estera di Obama ha bruciato ogni credibilità e ogni credito morale accumulato in precedenza dagli Usa. Nello stesso tempo il premio Nobel per la pace non è in grado di mantenere le promesse di coesione sociale, proprio perché il consueto dilemma “burro o cannoni” si è risolto a vantaggio di Goldman Sachs e del sistema militare industriale, potente, incontrastato, trasudante hitech, tuttavia incapace di una visione politica che vada oltre la spallata e la cannonata. Continua a leggere

Pubblicato in polis | Contrassegnato , , , , , , , , , | 43 commenti