Streaming, Cinema Moribondo?

cinemaCinema in corto finale? Lo streaming, dicono, suona la campana a  morto al grande schermo. E’ davvero così?

Lo sostengono la pubblicità in tivvù e i benpensanti che scrivono sul web: il problema per la generazione di giovanissimi – dicono – è che non sanno che scaricare film è illegale, non sanno che si commette reato, non hanno idea che si toglie lavoro a persone, che si viola il diritto d’autore etc etc …

Le leggi di solito seguono e s’adeguano ai costumi. Se introduci una legge contro i mulini a vento, irreale e inapplicabile, non è detto che essa rifletta la realtà operante dietro lo streaming. C’è tuttavia altro  che non torna in questo quadro.

Ricordiamo quando la tele a colori si diffuse, il cinema fu dato per morto da tanti. Echeggiano ancora gli anatemi contro le video cassette a nastro e le copie napoletane sulle bancarelle d’ogni dove. Le video cassette scomparvero, sopravvennero i Cd e i DVD, ora il Blu Ray e il cinema sopravvive come sopravvisse, anche in barba allo streaming.

Quanti lanciano anatemi ricordino che negli Stati Uniti la tivvù a colori arrivò trent’anni prima e il cinema non se ne preoccupò più di tanto, anzi i cineasti yankee furono avveduti a sviluppare tecniche, stili, distribuzioni e visioni tali da sopravanzare il cinema europeo e stendiamo un velo pietoso su quello italiano. Anzi no, ricordiamo che i nostri film – con rare eccezioni – seguivano intanto filoni di alto livello come le vicende di professoresse, dottoresse e studentesse di varia vocazione.

Ricordiamo pure certi registi sicuri di essere Fellini già prima del primo ciak, grazie alla tessera di partito o ai favori del produttore o della/del di lui fidanzata/o. Sorvoliamo.
Il film statunitense intanto s’irradiò, adattando anno dopo anno l’offerta alla domanda, indirizzandola piuttosto che farsene dominare, come qualunque avveduto che sappia stare sul mercato. 
Non di meno fummo assordati dalle prefiche in coro che blaterano tuttora di dittatura culturale. Come se sia difficile dominare un mercato come quello italiano dove attori, registi e produttori – con eccezioni sempre più rare e nonostante l’Oscar velenosamente invidiato – hanno una vocazione al canile impossibile da dissimulare.
Arrivato il web, il coro di disperati cambia le parole con la musica immutata. Orbene, si sa quanto inutili siano i dispendiosi spot pubblicitàprogresso, profittevoli per chi vi lavora a spese di tutti, sapendo di non cavare un ragno dal buco. 
Qual è la soluzione? Non ce ne deve importare nulla, tanto meno in un mondo sedicente liberista a cantilena. 
Il web impazza da vent’anni; i download di conserva. Qual è l’esito, oggi?
Sono effimeri sugli schermi i film mediocri: come farfalle dalle ali spezzate campano meno d’un giorno, anche senza il tasto enter. E meno male. Al contrario, quelli che hanno spessore, sfidano milioni di scaricatori di svago, se ne fregano dello streaming
Il film davvero bello te lo vedi sul mega schermo 3D a casa, poi ti domandi chissà come sarebbe al cinema. Se hai soldi e tempo (di solito s’accompagnano) ti dai una risposta gradevole. Contano soldi e tempo, più che altro, ma non conta nulla lo streaming né gli scaricatori di svago in questo mondo noioso. 

CONDIVIDILO COI TUOI AMICI MEDIANTE FACEBOOK, GOOGLE+, TWITTER

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it  È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante della carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.