Sofri, Disinformazione Continua

0sofriLa cerchia che tutela Adriano Sofri condiziona il giornalismo, incurante che la libertà di stampa è fondamento di democrazia. La disinformazione su Sofri e il suo ruolo di mandante dell’assassinio di Luigi Calabresi è un bubbone nel giornalismo italiano.

Il 16 gennaio Massimo Fini spiegò perché Sofri fu condannato. Fini pubblicò il pezzo su Il Fatto Quotidiano. Letto l’articolo, presumendo che avrei potuto scaricarlo quando avessi voluto dal sito del Fatto Quotidiano, non mi detti pena d’archiviarlo.

Dopo la sgangherata sortita di Enrico Letta per correre in soccorso della nuora e del di lei suocero mandante, cercai l’articolo di Fini. Era sparito. Non ve n’era più traccia sul sito del Fatto Quotidiano e sui numerosi siti che lo avevano inizialmente catalogato. L’ho rintracciato infine e potete leggerlo qui

Paolo Cucchiarelli, che scoperchiò la verità della doppia bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura, il 12 dicembre 1969, a Milano, non è stupito di tali grottesche simulazioni. La finzione, la menzogna, le cortine fumogene e la disinformazione accompagnano sin dal 12 dicembre 1969 l’inchiesta per la strage.

Questo articolo è sfortunato: ogni tanto risulta difficile leggerlo oppure nottetempo si perdono i link degli allegati. Sisifo non ci spaventa. Rieccolo. Poiché le cose terrene mutano e, come si sa, non sempre verso il bene, suggerisco di scaricare l’articolo e mandarlo alle persone che si stimano. Grazie.

Al di là dei cortei e degli strepiti di piazza, si fa finta di nulla e si continua a blaterare di stragi impunite e misteri d’Italia. Si dimentica che cosa significhi che Lotta Continua abbia assassinato il commissario Luigi Calabresi, che continuava a indagare su piazza Fontana. Si dimentica che un iter giudiziario lungo ben sette processi ha certificato la responsabilità di Adriano Sofri quale mandante dell’assassinio e nessuno, a parte Paolo Cucchiarelli (e in sedicesimo anche chi scrive), ha scavato nelle contiguità fra Lotta Continua e i più torbidi ambienti degli Stati Uniti.

Curioso pure che le edizioni de “Il Segreto di Piazza Fontana” di Paolo Cucchiarelli non hanno stimolato alcuna osservazione da parte di Adriano Sofri. Costui invece è venuto  concionando solo dopo l’uscita d’un film sgangherato su piazza Fontana, che ha dato agio al Mandante dell’assassinio di Calabresi di tentare confutare (leggi qui l’e-book pubblicato da Sofri) le pesanti responsabilità che affiorano dal libro di Cucchiarelli.

Mal gliene incolse al Sofri, visto che Cucchiarelli rispose da par suo, con un altro libro dal titolo inequivocabile: Le falsità di Adriano Sofri su «Il segreto di Piazza Fontana»”(clicca), nel quale punto per punto, Cucchiarelli inchioda il Mandante con domande stringenti,  domande alle quali il condannato in via definitiva Adriano Sofri non risponde.

Il Mandante è tuttavia un giornalista. Aspetto che non sembra preoccupare molti suoi colleghi, né il sindacato dei giornalisti e neppure i sindacati di polizia. Ha dunque ragione Massimo Fini: «Quando, a volte, un’università o qualche liceo mi invitano a tenere lezioni di soi-disant giornalismo e, alla fine, i ragazzi mi si affollano attorno e mi chiedono come si fa a diventare giornalista, rispondo: “Uccidete un commissario di polizia o, se non avete proprio questo stomaco, prendete tangenti come Cirino Pomicino”. »

 

conflittiestrategie elio
Sorry, either Adobe flash is not installed or you do not have it enabledheight=”250px” width=”300px”

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, ilcorrieredellacollera, libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante della carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.