SDST- La Tromba del Potere

bonino10Squilla la tromba del potere, tomba della democrazia. Emma Bonino: «I due marò torneranno per Natale». Certo, a Natale… di quale anno?
Il potere. Se davvero Bonino fosse stata ottimista, il 18 luglio, quando annunciò il pacco di Natale, avrebbe tuttavia  fatto bene a tacere, se non altro perché sa e sappiamo di che pasta sia la nostra diplomazia, incapace di dare minime sicurezze su quanto accadrà domani, figuriamoci a Natale.

Il potere. Bonino esternò fiducia sulle sorti dei due sventurati marò, quando si dice la coincidenza, alla vigilia della sua imbarazzante informativa al Parlamento sull’ennesima Waterloo diplomatica, l’espulsione della cittadina kazaka Alma Sbalabayeva.

Il potere. Quando si dice la doppia coincidenza, Bonino esternò proprio il giorno successivo alla conclusione dell’inconcludente inchiesta sull’affare kazako da parte del presidente del consiglio, Enrico Letta.

Tanto i marò quanto la profuga kazaka dimostrano ampiamente che non c’è alcuna capacità di controllo politico sulle decisioni apparentemente insensate dell’alta burocrazia dello Stato. In altre semplici parole: lo Stato non c’è. Esistono semmai alti burocrati, i quali rispondono a interessi più o meno nitidi e sovente extranazionali. Costoro, chiamati a dare conto del loro operato, sanno di rischiare poco o nulla, grazie a un Parlamento distratto, inconsapevole delle proprie prerogative, incapace di penetrare la cappa trasversale di complicità che unisce l’alta burocrazia dei ministeri a quella parlamentare e tutte quante alla quirinalità organizzata.

Il potere. Alla cupola burocratica fa controcanto il Sistema Disinformativo Stampa-Tivvù (SDST) che tromboneggia a comando, senza remora né pudore: tromba del potere, tomba della democrazia, come hanno dimostrato la corale disinformazione sulla Siria e la panzana dei gas sparsi da Assad, invece bombardati proprio dai mercenari del premio Nobel per la pace.

La dichiarazione della Bonino, propagandista sulla pelle dei marò, come fosse stata scritta da una nuova agenzia Stefani, trovò l’SDST sull’attenti e pronto a diffondere le panzane governative senza la benché minima critica né alla fonte né al testo.

maròIl potere. Non bastasse la strumentalizzazione dei marò, l’informativa di Bonino al Parlamento sul caso Sbalabayeva fu salutata come alta politica, invece di stigmatizzarlo per quello che effettivamente è: l’atto di resa d’un ministro «responsabile politicamente, di una immediata, continua e scrupolosa attività degli uffici della Farnesina, chiamati a gestire ex post le conseguenze di un caso per il quale abbiamo finora, giustamente, dibattuto sulla dinamica ex ante». Un ministro accetta il fatto compiuto e altro non può fare che appellarsi al suo passato che ha fatto della «tutela dei diritti umani la ragione di un’intera esistenza». Insomma retorica, reducismo, rievocazioni di dubbie glorie passate, come accade al circolo fra vecchi generali rincitrulliti, per poi finire con la più classica delle strumentalizzazioni politiche: usare cinicamente i militari e le loro disgrazie, i due marò, per trarne lustri immeritati e coprire le vergogne correnti. Ecco la promessa temeraria: torneranno a Natale. Gli scrivani dell’SDST scodinzolano ritti, con la lingua penzoloni in attesa della carezza ministeriale.  

Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, rinnegati dallo Stato che li pose a sentinella d’una nave, poi divennero capro espiatorio d’un intrigo per il controllo di Finmeccanica, che passò attraverso una fornitura all’India d’elicotteri militari, sgradita a inglesi e americani e ancor più agli israeliani. Oggi, coi marò nelle grinfie degli indiani, la Bonino li sventola come una bandiera vittoriosa dalle finestre d’una Farnesina farneticante. Quel ministero è corrivo al torbido.

Pino LO PORTO

Pino LO PORTO

Il potere. Mesi fa Monsieur raccontò di Giuseppe Lo Porto, ottantenne cittadino italiano, vittima d’una extraordinary rendition negli USA, senza uno straccio di prova per le gravissime accuse, tra l’altro andate in prescrizione. Condotto in Alabama, stato americano celebre per il rispetto dei diritti umani, l’ottuagenario Lo Porto, cardiopatico e operato alla prostata, è stato processato e condannato a 9 anni per un reato non compreso nel decreto di estradizione, un decreto già dichiarato illegale dalla magistratura italiana. L’avvocato di Lo Porto scrisse alla Bonino, additando l’inerzia della dispendiosa diplomazia italiana. Colei che ha fatto della «tutela dei diritti umani la ragione di un’intera esistenza» rispose: “Non è di mia competenza”.

La nipote di Pino Lo Porto, Nadia Bellini, è  venuta in Italia per depositare una denuncia contro un alto dirigente del ministero della Giustizia e per additare l’ignavia delle burocrazie italiane. Ha diffuso un comunicato stampa e lo ha inviato al fior fiore delle testate italiane, un comunicato circostanziato e documentato (leggilo qui). Gli stessi giornali e gli stessi direttori che bevono a grandi sorsate le panzane sulla Siria, gli stessi direttori che si appassionano alle sorti dei nostri politici da strapazzo  hanno ignorato documenti e fatti circostanziati a favore di Pino Lo Porto, vittima, come dice la nipote, di “extraordinary rendition negli Usa” con la complicità di funzionari italiani. Ma Pino non è un terrorista, non è un  mafioso, non è un politico; è solo un povero cristo, un pensionato da 500 euro al mese, ottuagenario, malato e, cosa imperdonabile, è innocente; non merita dunque neppure l’attenzione dei cattolicucci  firmanti e marcianti. 

Nadia BELLINI,  nipote di Pino LO PORTO

Nadia BELLINI, nipote di Pino LO PORTO

Il potere. Questa è l’Italia, questo è lo Stato italiano e così siamo rappresentati, così ci vedono dalle altre capitali e ci sbeffeggiano per colpa di politici inadeguati, protetti da un giornalismo servile, non di meno convinti di ben meritare, non per le azioni correnti ma per presunti meriti d’un passato più o meno lontano. Quanto più sono vecchi tanto più esigono di imporsi e riproporsi.

Arriverà Natale. Se i due marò torneranno sarà perché le autorità indiane riterranno di aver speculato a sufficienza sulla loro sorte. L’SDST ululerà gioioso per il successo della nostra diplomazia. Se arriverà invece Capodanno e poi il 2014, significherà che le elezioni incombenti in India, indurranno quel regime a utilizzare i due sventurati come manifesto elettorale. In tal caso, arriverà un altro Natale e speriamo che almeno quello sia provvidenziale.

Spero di sbagliare, è ovvio, lo spero con tutto il cuore. Non si può altro che sperare perché uno Stato, italiano, così mal rappresentato e ancor peggio raccontato dai servi dell’SDST, non può nulla contro quanto decidono nei sottoscala dell’Alabama, nelle suburre di Tripoli e del Cairo, figuriamoci  nei bordelli di Nuova Dehli.

conflittiestrategie elio

 

Sorry, either Adobe flash is not installed or you do not have it enabledheight=”250px” width=”300px”

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, ilcorrieredellacollera, libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante della carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.