Sanremo, che palle!

 

0fazio litSanremo, specchio dell’Italia che la Nomenklatura vorrebbe: un paese di frikkettoni ossigenati, ‘mbriachi e strafatti, più o meno attempati, persi e plaudenti dietro ai canzonettisti, piuttosto che stare attenti ai ladri aggirantisi tra i palazzi.

Tocca rimpiangere il Pci di Togliatti osservando l’Unità, giornale fondato, pensa un po’, da Antonio Gramsci, genuflesso davanti alla Litizzetto e al Fazio: un avanspettacolo della a-politica scialacquona, servile e prezzolata.

Non bastasse questo squallore postribolare, la Rai – quella del canone che fa accartocciare i cervelli – annuncia d’aver invitato Michelle Obama, la madonna pellegrina che dovrebbe compiere il miracolo.

Non sapendo che altro fare rievocano pure Luigi Tenco, il capofila dei depressi in viola intenso – fate gli scongiuri! – per la consueta domanda scema: fu davvero suicidio? Come fosse da persona col cervello a posto e comportamento equilibrato portare con sé una pistola nell’hotel Savoy di Sanremo, come andando in un saloon del Far West, piuttosto che a cantare una scemata deprimente. E via con le congetture da sciampista: nel dopo spettacolo sfigato gli è venuto in mente di pulire il revolver ed è partito un colpo accidentalmente; oppure: si è sparato perché la giuria non aveva capito la canzone.

Un giornalista altrimenti con fama di serietà, proprio Giovanni Minoli, già, ha dedicato una lunga ora  su Radio24 a una tal melensa stupidaggine. Non si salva più nessuno.

Qual era il titolo di questo capolavoro di Tenco? Ciao, Bella Ciao, che non è, per dire, Amami Alfredo, piuttosto pare d’intuire una leccata ai partigiani, Bella Ciao,  e magari si suicidava comunque dopo aver vinto. Tu quoque Minoli, per favore…

Se penso che un menagramo come Fabrizio De André fabbricò pure una nenia funebre per quel suicidio cretino e così stava per portarmi via un amico a quel tempo troppo influenzabile e depresso a sua volta, mi compiaccio solo per la corale risposta giunta dagli spettatori tivvù:”Che palle!”, e hanno cambiato canale. Vi voglio bene: siete gli italiani che amo.

conflittiestrategie elio
[swfobject]4496[/swfobject]height=”250px” width=”300px”

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, ilcorrieredellacollera, libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante della carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

Una risposta a Sanremo, che palle!

  1. Willy muenzenberg dice:

    Esatto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.