Kevin Barrett, Autore da Tenere d’Occhio

Kevin Barrett è un giornalista e scrittore americano, conoscitore del mondo islamico, convinto che le tre religioni monoteiste dovrebbero cooperare nel tentativo di ridare speranza a un mondo preda del panico e del nichilismo.

Recentemente ha scritto un interessante articolo pubblicato su The Unz Review an alternative Media selection dal titolo “Attacco dei Nichilisti” con sottotitolo “I Demoni di Dostoevsky hanno predetto il Wokeismo, l’Antifa e il Gender-Bender?”
Una parola per descrivere i tre termini misteriosi. Wokeismo, neologismo che identifica il popolo eletto della sinistra, sempre attento ai temi sociali e sempre pronto a trovare la pagliuzza nell’occhio altrui.
Antifa è un altro movimento legato al mondo progressista, molto preoccupato per il risorgere di una deriva fascista, identificata in Donald Trump.
Gender-Bender fa riferimento alla moda imperante, anch’essa di matrice progressista, che rifiuta la sessualità binaria, cioè l’idea che al mondo esistano maschi e femmine, e che prevede che ognuno possa scegliere il genere di appartenenza indipendentemente dalla realtà biologica.
Nel suo articolo Barrett accenna al libro del politologo statunitense Francis Fukuyama “The End of Time and the last Man” del 1992 in cui l’autore informa il mondo che si era giunti all’ultima tappa dell’evoluzione umana. Nel libro di Fukuyama i lettori vengono informati del fatto che dopo il crollo del muro di Berlino e la fine dell’impero sovietico, l’umanità si apprestava a vivere un mondo nuovo dominato dalla scienza dove tutto sarebbe stato perfetto perché le ideologie del passato erano state riposte negli armadi della storia.
“Sembra che Francis Fukuyama non abbia letto Dostoevsky”, lamenta Barrett, altrimenti egli avrebbe compreso che il collasso della grande recita della modernità non avrebbe prodotto con il neoliberismo pace e benessere per tutti, ma viceversa avrebbe portato all’estremismo ideologico, al caos e a un bagno di sangue.
Secondo Barrett, Dostoevsky ha descritto nel suo libro I Demoni quali siano le cause che portano all’estremismo ideologico e quali le conseguenze.
Ne I Demoni si trova descritto il processo che mostra come genitori ed educatori liberali producano una generazione di giovani radicalizzati e ideologizzati pronti a devastare il mondo in cui sono cresciuti. La furia nichilista che sta mettendo a ferro e a fuoco gli Stati Uniti, e non solo, non vuole nulla di meno che la distruzione dell’ordine costituito, considerato imperfetto, per poterlo sostituire con qualcosa che riporti la società al paradiso perduto.
I Demoni venne pubblicato nel 1871 e , osserva Barrett, in quelle pagine viene anticipato quanto sarebbe accaduto con il nichilismo messo in campo con il nazismo e il bolscevismo del ‘900 come conseguenza di un fenomeno ricorrente: i genitori liberali trascurano l’educazione religiosa dei figli i quali crescendo finiscono per abbracciare ideologie politiche radicali in sostituzione di una fede e di una vita spirituale inesistenti.
L’abbandono della religione, secondo Barrett, è la ragione per la quale la cultura occidentale si trova intrappolata da circa due secoli in una dinamica che oscilla tra il liberalismo e il nichilismo radicale senza riuscire a trovare una via di uscita.
Dostoevsky certamente non troverebbe ai giorni nostri molti editori disposti a pubblicare le sue opere e nessuno spazio nella società dato che egli non ha mai cessato di gridare dai tetti che l’unica speranza di salvezza per il genere umano era il ritorno alla religione.
Per chi conosce l’inglese merita veramente la lettura completa
https://www.unz.com/author/kevin-barrett/ Dostoevsky’s rogues’

Informazioni su Piero Laporta

Dal 1994, osservate le ambiguità del giornalismo italiano (nel frattempo degenerate) Piero Laporta s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante di tv e carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. Lingue conosciute: dialetto di Latiano (BR) quasi dimenticato,, scarsa conoscenza del dialetto di Putignano (BA), buona conoscenza del palermitano, ottima conoscenza del vernacolo di San Giovanni Rotondo, inglese e un po' di italiano. È cattolico, non apprezza Bergoglio e neppure quanti lo odiano, sposatissimo, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.