Due Orrori

autobus-130222173342_mediumIn attesa al capolinea Atac del 38 in piazza dei Cinquecento a Roma. Venticinque minuti: l’autobus non arriva. Ho tempo d’osservare il cantiere che restaura l’orribile monumento a Giovanni Paolo II; una sorta di garitta su cui campeggia una testa malamente accostabile al modello ispiratore. Prima del restauro e dopo il restauro, la differenza fra i due orrori  è solo nel crescendo della spesa. Trascorro così altri cinque minuti e il mio autobus latita ancora.

È curioso: lungo le strade di Roma (alcune) trovi i cartelli elettronici che certificano quantiaaaaamonumento minuti manchino all’arrivo del prossimo autobus; al capolinea invece vi sono solo cartelli tradizionali, di ardua lettura, che nulla possono dire del prossimo arrivo. Insomma, al capolinea, dove più necessaria sarebbe l’informazione su partenze e arrivi, l’informazione non c’è. Un autista Atac mi suggerisce di “chiedere all’ispettore”, il signore intento a scriver misteriose annotazioni, fermo sul marciapiede del capolinea, come tutti i miei compagni di sventura. Rinuncio ad interpellarlo quando lo vedo privo di ogni mezzo di comunicazione e con la mano sulla fronte, come un pellerossa, a contrastare il generoso sole di Roma, per vedere se il 38 fosse in arrivo.

L’autobus arrivò dopo ulteriore attesa, quando il mio appuntamento era in malora. Non serve un esprit mal tourné per capire che l’assenza di informazioni in tempo reale al capolinea occulta l’ora effettiva di inizio servizio, a vantaggio d’uno che s’è levato tardi o ebbe di meglio che portarmi a destinazione. I dirigenti Atac sanno che c’è un Gps, che consente di controllare un automezzo lungo un itinerario? Sanno che è una realtà da venti anni? Eviterò di prendere il 38, risparmiandomi due orrori, il minore dei quali è quel monumento. 

[pubblicato con altro titolo su Il Corriere delle Comunicazioni]

© Proprietà riservata È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, sesso, ilcorrieredellacollera,  libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni, Arbiter, Il Mondo e La Verità). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi, definitivamente disgustato della codardia e della faziosità disinformante della carta stampata, ha deciso di collaborare solo con Stilum Curiae, il blog di Marco Tosatti. D'altronde il suo più spiccato interesse era e resta la comunicazione sul web, cioè il presente e il futuro della libertà di espressione. Ha fondato il sito https://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.
Questa voce è stata pubblicata in polis e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.