Trento PIZZINO #4

CrimeaPIZZINO DAL PARADISO

Illustrissimi Giudici del tribunale d’appello di Trento,

la sapiente giurisprudenza di Lorsignori consente di riconoscere due uomini quali padri di due gemelli, generati all’estero da madre, la quale poi ha rinunciato alla propria potestà dietro corrispettivo.

Pur con tutta la sapienza che impera quassù, non si comprende come la qualità di “figlio” della di lui madre, di ciascun gemello, possa arretrare di fronte a quella di figlio di due padri, tanto più se ciò avviene a seguito di compravendita. Né si comprende quale sia l’equanimità che consente di imporre a ciascun figlio la rinuncia alla propria madre, alla propria nonna, alla propria zia, e via espropriando.

Non di meno quassù nessuno mette in dubbio il diritto di Lorsignori, quanto meno al pari degli oggetti della prefata compravendita, d’essere figli d’innumerevoli padri.

Vogliano, Lorsignori, gradire i sensi di tutto il meritato rispetto.

 

Sono il Vostro
Aldo Moro

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg)
Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia.
È cattolico, sposato, ha due figli.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 risposte a Trento PIZZINO #4

  1. Alessandro Gentili dice:

    Credo che ormai non vi siano più limiti alla creatività della magistratura nostrana.Si dovrà pur ricordare a codesti personaggi che sono solo dei civil servant, degli impiegati pubblici; null’altro. Tutto quello che credono di essere se lo sono inventato e lo hanno fatto accettare ad una politica vile e svilita che, non dimentichiamolo, aggancia il trattamento economico del parlamentare a quello del consigliere di cassazione!!!
    Per i due tizi che chiedono il riconoscimento di paternità nulla di più semplice. Prima si accerta se il bambino arriva dagli USA legittimamente, poi le cose sono due: se si prova di essere il padre biologico si può riconoscere il bambino come se esso sia stato abbandonato o non riconosciuto dalla madre; se non si prova di essere il padre biologico si persegue la via dell’adozione che può essere concessa o meno. Amen!
    Il resto son cazzate. I matrimoni omosessuali celebrati all’estero non sono recepibili in Italia come non è consentita agli islamici la poligamia ,consentita in alcuni stati arabi. Punto.

  2. sigmund dice:

    La cosa strabiliante è come in questi tempi di irrazionalità si debba ricordare le cose più semplici, dato che ormai chi ha in mano il potere decisionale (nel caso specifico i giudici) è letteralmente fuori dalla grazia di Dio che è Logos… Logos é la radice della logica.
    E’ tutto diventato irrazionale e come si può agire contro la ragione e credere che la società stia in piedi?
    Da notare poi che i fautori del nuovo mondo, dove è l’uomo a decidere del bene e del male chi è maschio e chi è femmina chi è famiglia e chi no, sono personaggi che si definiscono illuminati …… boh!

  3. Rosy Cossu dice:

    Grande Piero Laporta stimatissimo per la serietà e precisione delle sue pubblicazioni.
    Ricordiamo a tutti che: La Verità non si VENDE e non si compra, ma la si rispetta, la si pratica e la si divulga. Solo i disonesti sono repellenti alla Verita. Grazie. La seguo con tanta stima.*****Rosy Cossu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *