Sosteniamo coi Soldi il Poliziotto Sospeso a Causa della Boldrini

Boldrini e Gabrielli hanno violato il diritto costituzionale di un poliziotto di esprimere il suo pensiero. OltreLaNotizia è dalla parte della libertà di opinione. Pertanto invitiamo a sostenere economicamente il poliziotto perseguitato e pubblichiamo il COMUNICATO DEL SAP – Sindacato Autonomo Polizia 

COMUNICATO DEL SAP – Sindacato Autonomo Polizia

Un collega in forza alla Polizia Stradale di Susa è stato sospeso dal servizio per aver contestato in un video, le scelte politiche della Boldrini in tema di accoglienza e immigrazione. Il video diffuso poi da terzi sui social, è diventato virale, con a seguito una inevitabile strumentalizzazione. Si è cercato di mascherare con il razzismo, quella che in realtà era solo una critica politica. A dimostrazione di ciò, i ringraziamenti del 19enne ivoriano scortato dagli agenti in autostrada: «Grazie Polizia. Mi avete salvato la vita».

Il Capo della Polizia ha sospeso il collega, un padre di tre figli che ora si ritrova con lo stipendio dimezzato solo perché ha espresso un’opinione.

Il Sap non lo abbandona. Aiutaci a sostenerlo con una donazione.

CAUSALE: POLIZIOTTO SOSPESO

BONIFICO BANCARIO Conto Corrente POSTALE numero: 001035239795

IBAN: IT16E0760103200001035239795

Intestato a: Sindacato Autonomo di Polizia, Via Cavour 256 – 00184 Roma

=======

Adesso poche chiacchiere e mano al portafogli.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.
Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

5 risposte a Sosteniamo coi Soldi il Poliziotto Sospeso a Causa della Boldrini

  1. stefano rolando dice:

    oggi la boldrini dice che denuncerà tutti quelli che la insultano,.si vede che stanno aumentando vistosamente e non trova altra soluzione per farne diminuire il numero; ma un personaggio pubbico non dovrebbe farsi delle domande(ed eventualmente darsi delle risposte) prima di arrivare a questo? E se un arbitro di calcio denunciasse tutti quelli che gli urlano “cornuto” dove finiremmo? E se io dicessi che mi sta antipatica,così,per una questione di pelle,senza un motivo preciso ma che lo sento istintivamente sarei passibile di denuncia?E se elencassi anche un paio di motivi correrebbe da Gabrielli a dirgli di punirmi? Potrebbe essere perseguibile anche uno che la invita a guardarsi allo specchio e poi andarsi a leggere Lombroso?

  2. Allora se c’è,libertà di parola e d’espressione perché se uno dice polizia di merda viene picchiato o denunciato ? SE c’è diritto di parola per tutti sua per lui che per noi

  3. Alessandro Gentili dice:

    La sospensione dal servizio -su due piedi- è verosimilmente un atto arbitrario e denuncia un atteggiamento incomprensibile del capo della polizia -di cui in passato, molto spesso ho parlato bene, anzi benissimo – che, anche con riferimento a recenti esternazioni legate al G8 di Genova, danno l’impressione che il prefetto Gabrielli “sia partito per la tangente” ovvero abbia scoperto di essere un “comunista maoista alla matriciana”, come la nostra presidenta della camera.
    Ma per quel video va instaurato un procedimento disciplinare e poi si valuta “frigido pacatoque animo”. Ohè, Ma neppure Napoleone o Mussolini erano così biechi e spudorati. E che cazzo! E questa sarebbe la civile e democratica Polizia di Stato con tanto di sindacati a protezione dei suoi componenti? Non mi pare.Ma oltre a fare il forzuto con un povero agente, perché non mostra invece i muscoli con certi magistrati e certi uomini di vertice delle istituzioni dello Stato che bisfrattano gli agenti della forza pubblica e agevolano le condotte criminose di un numero immenso di persone che la legge penale destinerebbe alla galera?

    • Oramai la situazione è tale da imporre una scelta politica tra la Boldrini e chiunque ne tocchi la iper suscettibilità. La scelta politica in questo caso è fra la fautrice del disordine e il poliziotto. Noi abbiamo scelto, Gabrielli pure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *