Renzi il Collaborazionista

Pd, Leopolda: Matteo Renzi e le 100 proposte del Big BangMatteo Renzi e i tripudi internazionali. Il Fainanscialtaims scomoda Il Principe di Machiavelli per dipingere Renzi e giustificarne i tradimenti. Sul Tamigi trascurano tuttavia un altro motto del Nicolò: «Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei». E Renzi teme che tutti s’accorgano ch’egli è la sua faccia: il compagno di classe che sibila risposte sbagliate quando la professoressa ti interroga. Prima faceva ridere, ora un po’ meno perché ha un padrone forte.

«Siamo pronti a collaborare con Renzi» comunicò Washington, a cadavere caldo,  Enrico Letta appena trafitto. Il comunicato va letto bene:«Renzi è prontissimo a collaborare con noi, altrimenti non avremmo fatto tutto questo casino per portarlo a palazzo Chigi». Chi dubita chieda a Mr. Friedman, Mr. Monti, Mr. De Benedetti e Mr. Prodi perché nei giorni scorsi hanno messo con le spalle al muro re Giorgio. Reo d’aver coperto Letta troppo e troppo a lungo?

Le manovre anti Berlusconi da sole non reggono lo stato d’accusa. Una persona prudente tuttavia ricorda quanto accadde nel 2011, a cominciare dalle finte primavere mussulmane, con lo zelante collaborazionismo del Consiglio Supremo di Difesa, cui s’aggiunsero puntualissime speculazioni contro i Btp, senza dimenticare il cancan della trattativa Stato-mafia. Insomma un caos furibondo, apparentemente incontrollabile, adatto tuttavia a far partire un precisissimo colpo vagante, magari un’altra piccola rivelazione d’Oltreoceano.

Così da un momento all’altro ti trovi a gambe per aria, con la carriera politica infangata e stroncata, come accadde al povero Giovanni Leone, poi mummificato, riabilitato e commemorato dopo trent’anni, proprio da re Giorgio, uno dei più accaniti suoi accusatori di quel tempo.  E che io posso fare la stessa fine? Mai! Ragionò il quasisavoia.

«Enrico, dimettiti!» Certi ordini s’odono quantunque insonori. Obbedì. Enrico nipote rimase con la forchetta per aria, mentre pregustava Finmeccanica ed Eni svendute agli arabi. Che volete farci, è la Diccì, sono fatti così, favoriscono gli amici; ché poi gli amici sono riconoscenti. Stavolta l’hanno bloccato. Enrico nipote come Andreotti in sedicesimo, bloccato sulla soglia del Quirinale. Occorse una bomba. A Enrico nipote bastò una bomba carta di giornale.

«Ce l’abbiamo fatta, siamo pronti a collaborare con Renzi» commentarono Oltreoceano, poi nel comunicato è rimasta solo la seconda frase.

conflittiestrategie elio
[swfobject]4496[/swfobject]height=”250px” width=”300px”

Copyright©2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, ilcorrieredellacollera, libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

Una risposta a Renzi il Collaborazionista

  1. Pingback:Conflitti e Strategie » Blog Archive » Renzi il Collaborazionista di Piero Laporta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.