Il candidato senza volto s’approssima

Il candidato senza volto

Il candidato mette sossopra la politica, senza distinzioni di schieramenti. Gli zombi politici gridano bis a Napolitano.

 La “piattaforma Rockefeller” (cerchia industriale, contrapposta a quella finanziaria di Goldman&Sachs), sosterrà alle prossime elezioni politiche italiane un candidato del tutto nuovo.
Agli investitori statunitensi sono associati i maggiori gruppi cinesi e, più defilati, tedeschi e inglesi, ben decisi a rottamare tutti, da Grillo (improvvisamente più cauto e silenzioso), ai leader del Pd e del Pdl, senza dimenticare i Gianfranco Fini e altri rimasugli, compresi quelli con velleità politiche dissimulate, come Diego Della Valle. In quanto ai Bersani, Berlusconi, Renzi, D’Alema Casini, Vendola & C. se ne parla al trapassato remoto.
Rockfeller vuole un candidato selezionato tra oltre mille giovani imprenditori italiani, nessuno dei quali compromessi coi giochi politici correnti. Alcuni bene informati sostengono che la scelta sia già fatta ma non pubblicizzata, per logorare ulteriormente le formazioni in campo e adattare inoltre la proposta politica agli esiti delle presidenziali statunitensi.
La notizia ha tarantolato tutta la politica in predicato di rottamazione; primo fra tutti Matteo Renzi, rottamatore per definizione, eppure implorante un incontro chiarificatore con mamma Clinton, tuttavia sottrattasi, lasciando il pupo nel camper.
Nelle stesse ore, mosso dagli stessi timori, Mario Monti ha detto “bis”, consapevole che glissando ancora l’autocandidatura giungerebbe fuori tempo massimo. Il suo “bis” catalizza la riaggregazione ai soliti noti della politica. Monti-bis piace non solo a Pierferdi Casini, ma anche a Luca di Montezemolo:“Intendo impegnarmi perché questo progetto abbia successo, senza rivendicare alcun ruolo o leadership” ha detto, mettendo il movimento Italia Futura a disposizione del bis.
Massimo Dalema torna in campo non solo per punzecchiare Renzi ma anche per additare l’urgenza del taglio della spesa politica, proprio lui.
La partita, come sempre quando incombe il cambio al Quirinale, concerne più che il nuovo governo la maggioranza che determinerà il nuovo inquilino del Colle.
Romano Prodi aveva intuito qualcosa, magari aiutato da una seduta spiritica, quando a Cernobbio anticipò tutti proponendo il Monti-bis che aprirebbe al medium bolognese la via del Colle. Monti si schermì, allora. Dall’ultima settimana di settembre le cose sono cambiate.
Il superfluo Silvio Berlusconi s’è arruolato, zelante caporale, nel battaglione Monti-bis, col solito Alfano in maniche di camicia a echeggiarne i motti. Il tradimento di Berlusconi ai suoi elettori si spinge fino ad assicurare il Monti-bis, con la legge elettorale proposta da Lucio Malan – berlusconiano di ferro – per la quale il premio di maggioranza del 12,5% avrebbe un senso solo se vi fossero delle coalizioni in grado di avvicinarsi al 36-38% dei voti, cosa impossibile. E’ una legge truffa, mirata all’ingovernabilità, la quale infatti sarà sancita dalle elezioni e costringerà quindi a tornare alle urne oppure… invocare il Monti-bis. “Se mi chiameranno…” Non disse così, il bis-prof, a fine settembre? Insomma dopo venti anni di Seconda Repubblica la ricetta prevede il clistere del Monti-bis per non schiodarsi dalle poltrone. Eppure quando il candidato senza nome apparirà, rottamando tutto il vecchiume, grosse novità s’avranno anche al Quirinale, dove entreranno Prodi, Monti e Berlusconi, se invitati ai ricevimenti.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Qualunque sito o blog può pubblicare liberamente metà dell’articolo se e solo se rimanda, per la lettura completa, alla pagina originale

http://www.pierolaporta.it/?p=220

Differenti utilizzazioni dei contenuti di questo sito sono consentite solo col consenso dell’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

5 risposte a Il candidato senza volto s’approssima

  1. sedia dice:

    Ho trovato questa pagina e non ne devo cercare altre. Brancaleone Trevisan

  2. roberto buffagni dice:

    Immagino che Gippos alluda a Aimone di Savoia-Aosta. Evidentemente, il calendario italiano è fisso sull’8 settembre, come in quei film dove una giornata (di solito orrenda) continua a ricominciare, ricominciare, ricominciare in eterno, eguale a se stessa…

  3. Roberto Buffagni dice:

    Immagino che gippos alluda a Aimone di Savoia-Aosta. La mia famiglia, e l’Italia in generale, ai Savoia ha già dato, ricevendo in cambio l’8 settembre 1943. Direi che basta così.

  4. gippos dice:

    Il candidato senza volto è nato il 13 ottobre 1967, è manager nella sezione estera di una multinazionale, e gode di uno status che si acquisisce “alla nascita” (anzi: per diritto divino, si diceva una volta). Il suo volto è quasi sconosciuto, ma lo stesso non si può dire per il suo cognome.

  5. ugo dice:

    hoibò!… scenario auspicabile?.. infausto?
    Non saprei.
    La rottamazione solo come fatto anagrafico di facciata?
    Io vedo avanzare l’elettore senza nome…!
    Non credo che abboccheranno tutti alla P. Rockefeller.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.