Via l’IMU? E’ un gioco – di P.Angioy

slotmachineFinanziare occupazione giovanile e abolire l’IMU? Sì, incrementando le imposte sul gioco, oggi tassato meno del pane. Taluni hanno la memoria corta, a destra e a sinistra, quando dicono di non sapere dove reperire quattrini per finanziarie l’abolizione IMU,  la restituzione IMU 2012, diminuizione dell’ IRAP e l’occupazione giovanile. Basterebbe infatti aumentare le imposte che i concessionari dei giochi d’azzardo versano all’Erario.

SOGEI

Oggi le imposte sul gioco vanno dal 4 per cento delle lotterie al 6 per mille (0,6 per cento!) dei giochi on line. Essa è dunque mediamente inferiore, per esempio, al 4 per cento di IVA sul pane, ma anche a quella del latte e dei beni di prima necessità. Inoltre la legge si preoccupa di elevare pretestuosamente, anzi più che raddoppiare l’IVA sul pane [leggi qui] ma non si preoccupa affatto dei gravi e vasti danni sociali che il gioco d’azzardo provoca. Anzi fa di peggio: per esempio, il governo di Mario Monti – mentre pestava a sangue le famiglie – introdusse una revisione al ribasso delle imposte sui giochi, tutta a favore dei numerosi concessionari. Quando si dice la coincidenza, larga parte dei concessionari sono connessi con la politica, molti dei rimanenti con la delinquenza organizzata. Da questi ambienti affiorano, come non bastasse, vaste evasioni, nonostante le striminzite aliquote fiscali. [leggi qui]

slotAvvenire del 2 Maggio: “Dal Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia spiegano che le entrate totali relative ai giochi nei primi dieci mesi del 2012 sono risultate di 10,7 miliardi di euro (765 milioni di euro in meno, pari a un calo del 6,7%). Considerando solo le imposte indirette il gettito derivante dalle attività da gioco (lotto al lordo delle vincite, lotterie e delle altre attività di gioco) si attesta a 10,4 miliardi di euro, con una perdita di 664 milioni (-6%)”

Stando a questi dati, portando l’aliquota al 10%, si avrebbe a regime un gettito totale di oltre 25 Mld/anno. Per l’anno in corso, con un rapido iter parlamentare (od un DL), che dovrebbero trovare unanime consenso nei Palazzi, riuscendo a rendere esecutivo il provvedimento da Giugno, si potrebbe contare un aumento di gettito di 7/8 Mld. Più che sufficiente a smorzare una volta per tutte le polemiche a proposito di IMU.

Visto tuttavia che si progetta un’aumento generalizzato dell’IVA al 21%, è bene che questo aumento sia applicato immediatamente a tutti i giochi d’azzardo (+ 20miliardi di euro per anno), oltre a tassare  le rendite dei concessionari, anche per compensare i costi dei problemi sociali causati dal gioco d’azzardo. Chi è favorevole alzi la mano!

 

conflittiestrategie elio

 

[swfobject]4496[/swfobject]height=”250px” width=”300px”

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati a www.pierolaporta.it È permesso l’uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l’autore. Le foto di questo sito sono prese in larga misura da Internet, in quanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti fotografici o gli autori fossero contrari alla pubblicazione, lo segnalino a info@pierolaporta.it e si provvederà alla immediata rimozione delle immagini.

conflittiestrategie, ilcorrieredellacollera, libero.it, manuel voghera, Papa Francesco, piazzolanotizia

Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Piero Laporta

Osservate le ambiguità del giornalismo italiano, Piero Laporta dal 1994 s’è immerso nella pubblicistica senza confinarsi nei temi militari, come del resto sarebbe stato naturale considerando il lavoro svolto a quel tempo, (Ufficio Politica Militare dello Stato Maggiore della Difesa). Ha collaborato con numerosi giornali e riviste, italiani e non (Libero, Il Tempo, Il Giornale, Limes, World Security Network, ItaliaOggi, Corriere delle Comunicazioni e Arbiter, Il Mondo). Ha scritto “in Salita, vita di un imprenditore meridionale” ed è coautore di “Mass Media e Fango” con Vincenzo Mastronardi e altri, ed. Leonardo 2015. (leggi qui: goo.gl/CBNYKg) Oggi collabora col quotidiano La Verità. Il suo più spiccato interesse resta tuttavia la comunicazione sul web e le strategie di impresa. Ha fondato il sito http://www.pierolaporta.it per il blog OltreLaNotizia. È cattolico, sposato, ha due figli.

3 risposte a Via l’IMU? E’ un gioco – di P.Angioy

  1. CARLO LA BARBERA dice:

    COME IO DICO DA ALMENO 50 ANNI E COME L’OCSE CONFERMA, CON DEI TEST DI INTELLIGENZA POSTI A 250.000 GIOVANI DI UNA QUARANTINA DI PAESI, IL POPOLO ITALIANO E’ MEDIAMENTE, TRA I PIU’ CRETINI DEL PIANETA. IL RESTO E’ DEL TUTTO CONSEQUENZIALE E QUASI OBBLIGATORIO… MI FA VENIRE IN MENTE QUEL PROVERBIO CHE DICE: “OGNUNO SI CORICA NEL LETTO CHE SI E’ PREPARATO”… SECOND ME NON C’E’ DIFESA! CARLO

    • Suvvia, nelle settimane della dichiarazione dei redditi un po’ si pessimismo è lecito, tuttavia non accreditiamo all’OCSE saggezze che mi pare abbia dimostrato abbondantemente di non possedere. Forse l’OCSE è in mano a giovani italiani?

  2. Elio Paoloni dice:

    Le alzo tutte e due, le impotenti mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.